IMMIGRAZIONE: TIZIANA BARILLà A CAMPOBASSO RACCONTA DEL SUO LIBRO SUL MODELLO RIACE (VIDEOINTERVISTA) - Molise Web giornale online molisano
mercoledì, 20 giugno 2018
Immigrazione: Tiziana Barillà a Campobasso racconta del suo libro sul modello Riace (videointervista)
L'idea di scrivere il libro 'Mimì Capatosta - Mimmo Lucano e il modello Riace' per Tiziana Barillà, l'autrice del volume, parte vent'anni fa quando un piccolo paese della Calabria, Riace, andava in controtendenza, perchè  si stava spopolando e il sindaco Mimmo Lucano ha accolto in maniera naturale le persone che sono arrivate con il primo sbarco.
Tiziana, giornalista professionista e scrittrice è stata ospite a Campobasso di un evento organizzato da 'Casa del Popolo', in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato, che ha voluto raccontare che un altro tipo di accoglienza è possibile e attraverso la testimonianza della giornalista ha voluto far conoscere il modello Riace, di cui lei racconta nel suo libro. Un modello che si può estendere a piccole realtà anche come quelle del territorio molisano, perchè come ha raccontato l'autrice del libro, Mimmo Lucano  quando nel 1998 ha visto approdare sulle coste di Riace un veliero con 300 curdi ha pensato a loro come suoi concittadini, e ancora oggi dice "devo ringraziarli perchè hanno ridato vita al nostro paese che stava morendo".
Il sistema Riace, che è stato studiato da diverse università europee, ha visto infatti ospitare persone di diverse nazionalità in case abbandonate di persone ormai emigrate in Argentina o in America  e da lì è partito un sistema che si basa su due strumenti, i bonus e le borse lavoro che permettono di usare in maniera diversa i 35 euro giornalieri stanziati per i migranti. Nel piccolo borgo calabrese ci sono 500 profughi su una popolazione di 1800 abitanti, grazie a questa accoglienza il paesino ha sviluppato attività di microeconomia basata su attività di artigianato: un laboratorio di ceramica e uno di tessitura, un bar, una panetteria e una scuola elementare ed è stato riattivato il servizio di raccolta differenziata. Un territorio che è letteralmente rinato e da paese di emigranti è diventato paese di immigrati che sono diventai parte integrante della popolazione locale.
Ma Tiziana ci tiene a precisare una cosa, "chi arriva nel nostro Paese non è un pericolo, però facciamo attenzione anche a catalogarli come un'opportunità, sarebbe solo l'altro lato della medaglia. Stiamo attenti a definire l'accoglienza come un fenomeno utile anche dal punto di vista del ritorno economico, i migranti sono persone e possono vivere con noi come persone e in questo modo l'accoglienza diventa un atto naturale".
 
Intervista di Miriam Iacovantuono a Tiziana Barillà
riprese di Giovanni D'Addario
 

In Evidenza

Ultimi Eventi

Notizie Correlate

  • Mobilità ospedaliera - il Molise in testa alla classifica Mobilità ospedaliera - il Molise in testa alla classifica
    Il Molise è la regione con la quota più elevata di mobilità ospedaliera in uscita con il 26,6% di ricoveri dei residenti, seguita dalla Basilicata (23,7%), e la Calabria (21,2%). E' quanto emerge dal rapporto annuale a cura dell' Istat che evidenzia anche come le tre regioni precedenti rivelano la percentuale...