Reddito di cittadinanza, oltre 11 mila le famiglie molisane che ne potrebbero beneficiare

di Alessandro Corroppoli
Le famiglie molisane che potrebbero beneficiare del reddito di cittadinanza sono oltre 11 mila. A rivelarlo è il quotidiano economico “Il Sole 24 Ore” che fa un’analisi su 2,5 milioni di famiglie italiane, attraverso l’indicatore della situazione economica (Isee) fino a 9 mila euro. Lo studio, che fa riferimento ai dati Isee del 2016 ultimo disponibile, rivela che l’incidenza maggiore è in 34 Province del Sud e delle Isole con Crotone (27,9%), Napoli (20,6%) e Palermo (20,5%) nei primi tre posti della speciale classifica. La provincia di Campobasso si piazza al 42esimo posto con il 9%, mentre quella di Isernia, con l’otto per cento, si piazza al 58esimo posto. Complessivamente le famiglie molisane interessate al provvedimento sarebbero 11.400 pari all’8,7%.
Secondo quanto annunciato dal Governo giallo-verde il reddito di cittadinanza, anche se ancora non si sa come funzionerà, sarà destinato alle famiglie con un Isee fino a 9.360 euro annui. Quindi, anche se i dettagli non sono ancora definiti, i dati storici dell’Isee permettono una prima analisi sulla platea degli interessati che “Il Sole 24 Ore” ha svolto incrociando in base ai 9 miliardi di euro stanziati dalla manovra di Bilancio 2019.
Le prime 34 province per frequenza degli interessati sono tutte al Sud e nelle Isole. Questo perché i valori dell’Isee sono storicamente più bassi nel Mezzogiorno, dove i redditi sono inferiori, la disoccupazione più alta, le famiglie mediamente più numerose e i depositi bancari e gli investimenti minori. Dati confermati anche dallo Svimez (Associazione per lo sviluppo dell'industria nel Mezzogiorno) che conferma come nel Mezzogiorno andrebbero il 63% delle risorse disponibili. La provincia di Campobasso si piazza al 42esimo posto nella graduatoria dei comuni capoluoghi. I potenziali beneficiari dovrebbero essere 8.500, il 9% delle famiglie residenti. L’altra provincia, quella di Isernia, si piazza al 58esimo posto con 2.900, pari all’8%.
Percentuali molto lontane da chi come Crotone, piazzatosi al primo posto con quasi il 28% delle famiglie a ricevere potenzialmente il reddito, da Napoli e Palermo il 20, 5%, a Caltanisetta il 19,8%. Percentuali e cifre in cui è evidente una distribuzione delle risorse disomogenea che penalizzerebbe fortemente le province molisane. Non solo, l'analisi de “Il Sole 24 Ore” prevede una media per famiglia di 283,98 euro mensili meno della metà dei 780 euro indicati dal Governo. Infine, bisogna considerare l’attuale stato dei centri per l’impiego, che dovrebbero essere gli enti predisposti a far incontrare domanda (beneficiario del reddito) e offerta (lavoro).