Venafro. Omicidio Celeste Valentino: condannata a 30 anni per l'infermiera killer

Era giugno 2016 quando l'infermiera Anna Minchella aveva iniettato dell'acido con una siringa nella bocca di Celeste Valentino, uccidendolo. La donna lavorava presso l'ospedale SS Rosario di Venafro dove l'anziano era ricoverato.
La sentenza di primo grado è stata emessa oggi 14 giugno e condanna la donna a 30 anni di carcere e non alla pena dell'ergastolo così come invece era stato richiesto dalla pubblica e dalla privata accusa. 
I legali dell'infermiera, Marciano e Aldo Moscardino hanno dichiarato che ricorreranno all'appello, in quanto sono dubbiosi sulla responsabilità della donna.