Decreto Crescita: Testamento strappa l'impegno del Governo per una possibile mobilitĂ  in deroga per ex lavoratori Ittierre

Si è discusso alla Camera dei Deputati il Decreto Crescita e la deputata molisana, Rosa Alba Testamento ha presentato un ordine del giorno che riguarda la mobilità degli ex lavoratori Ittierre. Da parte del Governo c'è dunque l'impegno a valutare  l’opportunità di una norma che garantisca per tutti i lavoratori il requisito della continuità. Per chi ne ha già diritto i fondi ci sono

"Il mio ordine del giorno –  ha commentato la parlamentare molisana  – chiede al Governo  di prestare attenzione alla situazione che da alcune settimane stanno vivendo   lavoratrici e lavoratori dell’ex stabilimento Ittierre di Isernia. Nello specifico il Governo ha assunto l’impegno a  valutare l’opportunità di prevedere l’anticipo dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2016 della forbice temporale fissata dall’articolo 25 –ter della legge 17 dicembre 2018, n. 136 sul riconoscimento della mobilità in deroga. L’obiettivo è quello di garantire la sua erogazione anche ai lavoratori e alle lavoratrici che hanno cessato il trattamento di mobilità prima del 22 novembre 2017. Alcuni gruppi di dipendenti dell’ex Ittierre, infatti, hanno terminato  il precedente trattamento a gennaio, marzo e maggio 2017 e, pertanto, questo ordine del giorno chiede che il Governo, il cui impegno è già tangibile nelle aree di crisi complessa del Paese, si adoperi per estendere le risorse anche a  questi ultimi".

I 7.077.499 euro assegnati alla Regione Molise dal recente decreto interministeriale garantiscono, invece, la mobilità a coloro che rientrano nel range temporale dal 22 novembre 2017 al 31 dicembre 2018. Le risorse dunque il Governo le ha messe a disposizione.

"Ora - ha continuato Testamento - spetta alla Regione Molise, al Presidente Toma e all’Assessore Mazzuto, fare il più rapidamente possibile quello che ricade sotto la loro esclusiva competenza: adottare un Piano regionale delle Politiche Attive, condizione indispensabile affinché i fondi possano essere erogati. Nella sua recente relazione, la seconda commissione consiliare della Regione Molise ha evidenziato con chiarezza che dal 2014 ad oggi la Regione non ha adottato alcun Piano per le Politiche attive del lavoro per  Ittierre, precludendo con tale scellerata condotta qualsiasi minima speranza di ricollocamento degli ex lavoratori e lavoratrici. È ora che il presidente della giunta regionale e l’assessore alle Politiche del lavoro facciano il loro dovere e la smettano di scaricare le responsabilità sul Governo che – ripeto – assegnando già i soldi alla Regione  ha fatto la propria parte. Occorre – conclude la parlamentare – un Piano che non sia una mera raccolta di buoni propositi, bensì un insieme di misure volte a favorire percorsi di formazione che siano  utili all’inserimento lavorativo, nonché capaci di garantire le nuove competenze richieste dal mercato  anche nel settore tessile".