Giustini chiude il punto nascita a Termoli, applicata la Balduzzi. Parlamentari 5Stelle non chiedono deroga e i Commissari continuano a percepire stipendi da capogiro

Accadeva il 27 ottobre 2018. Rischia la chiusura il punto nascite dell'ospedale di Termoli. Lo afferma il sindaco Angelo Sbrocca accusando il Movimento 5 Stelle. "Negli ultimi anni si è sempre lottato per far rimanere aperti i reparti negli ospedali di Termoli e Isernia, in deroga al decreto Balduzzi. E' stata una lotta giusta e vincente. Al contrario, pare che ora il famigerato 'Comitato Percorso nascite del ministero della Salute' abbia deciso la chiusura. Se ciò avverrà sarà un duro colpo per la città e per tutto il Molise costiero. A nulla è valso il 'tour della sanità' degli esponenti regionali a Cinquestelle che, nel giugno 2018, a inizio legislatura, hanno visitato tutti gli ospedali molisani - ha proseguito Sbrocca - Forse niente di tutto questo servirà a salvare il nostro punto nascita che serve un bacino di migliaia di utenti". Il primario della divisione Ostetricia e Ginecologia Bernardino Molinari dichiara, dal canto suo, che "nessuna comunicazione è giunta da nessuno sulla chiusura del punto nascite". Conclude il sindaco: "Se il reparto maternità sarà chiuso, non potremo non attribuire ai Cinquestelle la responsabilità di una perdita così grave".
Oggi, 26 giugno 2019, l'ufficialità della chiusura del punto nascite al San Timoteo di Termoli. Semplice applicazione della nota legge Balduzzi. Così il commissario straordinario Angelo Giustini e il subcommissario Ida Grossi hanno firmato il decreto che sospende ogni ricovero per parto. Il reparto di Unità Operativa semplice di Ostetricia e Ginecologia resterà attivo, ma come ambulatorio e ricoveri che non prevedono partorienti. Resterà operativo Pediatria, ma abolito il Nido. Una scelta inevitabile, secondo la Legge riportata, visto che nel 2018 le nascite a Termoli sono state 330 invece che 500, numero necessario per ricevere la deroga così come accaduto a Isernia. Una notizia che manda letteralmente il tilt tutto il Basso Molise. nei prossimi giorni non sono escluse azioni dagli Amministratori già intenti a concordare azioni congiunte contro i tagli e chiusure altri reparti.