Campobasso. Chiusura Centro Prelievi di via Toscana, il centrosinistra interroga il sindaco

Dopo che nel 2017 il Centro prelievi di via Toscana a Campobasso ha rischiato di chiudere, l'ASReM ritorna su quella strada e questa volta la chiusura sembra essere reale. Una decisione che andrebbe a creare disagi ai tanti utenti che utilizzano quel servizio, infatti il Centro di via Toscana effettua mediamente sei mila prelievi all'anno e serve una parte della città di Campobasso e diversi comuni del circondario.

Sulla questione il Consigliere comunale di opposizione, Antonio Battista, unitamente ai Consiglieri Bibiana Chierchia, Giose Trivisonno e Alessandra Salvatore, presenta un'interpellanza indirizzata al presidente dell'assise di palazzo San Giorgio, Antonio Guglielmi e al sindaco del capoluogo, Roberto Gravina per "conoscere esplicitamente le volontà dell’Amministrazione comunale e le urgenti iniziative che si intendono assumere per riportare alla normalità la erogazione dei servizi del Distretto Sanitario di via Toscana".

Battista inoltre commenta che non si tratta di tenere aperto un Ospedale o un Reparto ospedaliero "ma un importantissimo servizio territoriale di base. Le conseguenze saranno un riversarsi su altri centri prelievo con chiaro affollamento che penalizzerà indistintamente tutti e un ulteriore ricorso al privato che ovviamente penalizza le fasce sociali economicamente e socialmente più deboli".