Progetto Sprar, firmato protocollo d'intesa con il Comune di Campobasso. Salvatore Dell'Oglio: "Una grande opportunità”

Presentato questa mattina, nella sala Mancini di Palazzo San Giorgio,il Protocollo d'intesa fra il Comune di Campobasso e gli SPRAR. "I centri Sprar stanno lavorando - ha dichiarato l'assessore all'ambiente, Simone Cretella - nell'ambito delle loro attività a dei tirocini formativi per dei ragazzi ospiti del centro, finalizzati alla formazione e all'inserimento lavorativo che partirà nei mesi a seguire con l'attivazione delle borse lavoro, successivamente finalizzate alla possibilità di autogenerare forme di lavoro. In particolare, gli Sprar stanno lavorando su un corso di giardinaggio e cura del verde, formato da una parte teorica e una pratica che si svolgerà sul campo, chiedendo la partecipazione e la condivisione dell'amministrazione comunale affinchè possano sviluppare la seconda parte del corso sul territorio. Per quanto mi riguarda - ha concluso Cretella - cercheremo di valorizzare al meglio queste risorse e questa opportunità, si inizierà da interventi che dapprima saranno più grossolani, fino ad arrivare ad interventi più delicati, come quelli previsti per la Villa De Capoa".

"Si tratta di un'iniziativa - ha dichiarato l'assessore alle politiche sociali, Luca Praitano - che ha delle ricadute sulla gestione del verde, poichè non solo costituisce un vantaggio per la città di Campobasso, ma è un progetto sociale con cui riusciamo ad avere l'integrazione di cui spesso si parla. Agire con questo protocollo d'intesa insieme alla cooperativa che si occa del centro, consente a questi ragazzi di sentirsi utili per la città, imparando un mestiere che consentirà loro in un futuro di potersi spendere nella comunità. Da parte nostra c'è l'esigenza di valorizzare anche queste risorse che forniranno un contributo attivo, visibile che tutti i cittadini potrà spendere nella comunità. Da parte nostra c'è l'esigenza di valorizzare anche queste risorse che forniranno un contributo attivo, visibile che tutti i cittadini potranno apprezzare, capendo che probabilmente lo stereotipo dell' immigrato quale spacciatore, che in alcuni casi potrà essere anche vero,  è solo un modo per criminalizzare delle persone che sono qui ed hanno delle difficoltà". 

Il responsabile del progetto Sprar, Salvatore Dell'Oglio ha dichiarato che "La parola risorsa implica una passività. Si parla di immigrazione e mi piace parlare di opportunità. Questo protocollo è un'opportunità appunto per entrambi: sia per la comunità di Campobasso e sia per chi è arrivato qui ed ha un progetto di immigrazione. L'integrazione, quella seria, può giungere solamente attraverso delle attività formative e lavorative, perchè la dignità la si guadagna con il lavoro, e in collaborazione con gli enti territoriali che praticamente fungono da mediatori con la comunità locale, quale migliore occasione se non intervenire, in questo caso nel verde ma un domani in altri contesti, per creare quelle opportunità reali di integrazione che si basano sul lavoro. Da questo progetto - ha concluso Salvatore Dell'Oglio - potrebbe anche nascere anche l'autoimprenditoria ovvero, una volta che i soggetti abbiano  acquisito determinate competenze magari si possono avviare un' attività di giardinaggio in autonomia"

Il corso si suddivide in una parte teorica e una parte pratica, in tutto 108 ore per un massimo di  5 ragazzi, per altrettante borse lavoro di circa 500 euro.  Durante la parte pratica i ragazzi saranno seguiti da personale specializzato. 

Roberta Oto