Presentata la nuova associazione "Partecipazione Democratica", Buono: "Spazio di discussione politica su i grandi problemi del Molise"

di Roberta Oto

Presentata questa mattina, presso la sede del Partito Democratico di Campobasso la nuova Associazione politico - culturale "Partecipazione Democratica", dal Dirigente Regionale del PD, Stefano Buono. "Non vuol essere una corrente del Partito Democratico ma uno spazio di discussione politica, aperta anche a coloro che oggi non sentono la necessità di avere la tessera del partito. Uno spazio di discussione politica allargato - continua Buono - per aiutare il PD, per rafforzare la proposta del centro sinistra in Molise in un contesto nel quale sempre di meno la riflessione politica, l'approfondimento viene sempre meno e prevale una superficialità e una velocità delle informazioni. La politica di oggi qui in Italia ha tre grandi sfide: la cultura, il lavoro e l'ambiente. La nostra idea è che questi tre grandi sfide che si devono affrontare devono essere portate avanti in una società aperta. La ratio deve essere la crescita economica ma al tempo stesso senza lasciare indietro nessuno e preservando il pianeta. In Molise, ai tre concetti di fondo, elencati precedentemente se ne aggiungono altri due: la sanità e le infrastrutture. Noi abbiamo poco più di 300mila abitanti, abbiamo una sanità che da decenni è in perenne deficit, abbiamo un saldo demografico negativo, abbiamo una viabilità disastrata, un'assenza di infrastrutture materiali ed immateriali. Da questo punto di vista, sono contento che siano arrivati dei soldi previsti dal Contratto Istituzionale di Sviluppo, ma lo strumento del Cis era qualcosa che andava interpretata diversamente: occorreva mettere 220 milioni di euro su ciò che manca davvero in regione ovvero, una grande infrastruttura. Credo che l'approfondimento di questi temi e pensare insieme a cosa è bene per questo territorio e quali sono i motivi per farlo sopravvivere non sia qualcosa da fare solo in vista degli appuntamenti elettorali". 

"E' un progetto che tende ad allargare, non ha restringere il campo politico - ha dichiarato l'Avvocato Simone Coscia - Non bisogna interpretarlo come una corrente del partito democratico ma bensì come un soggetto che vada ad essere da propulsore, per cercare di scuotere anche un pò il partito democratico su certi temi che si deve porre in maniera, probabilmente anche più netta, in contrapposizione con questa attività regionale poco incisiva sotto moltissimi aspetti, che questa associazione vuole estendere anche ad altri soggetti che non non vedono il partito democratico come un partito di vera e propria opposizione ma un partito oggi assopito e che hanno una certa remore ad avvicinarsi a questo organismo"

La nuova associazione verrà probabilmente presentata il prossimo 9 novembre a Venafro.