Nonostante l'arrivo in Molise della variante inglese, la continua pressione sul Cardarelli ma anche sugli altri ospedali in cui arrivano malati Covid e la zona bassomolisana in rosso, il Molise continua ad essere zona gialla anche durante la prossima settimana. L'indice Rt è 1,09 compreso quindi tra i valori di 0,79 e 1,41.Tuttavia il destino dei 136 comuni della Regione sarà deciso domani dal presidente della Regione Donato Toma che dovrà stabilire quali saranno i comuni colpiti dalle restrizioni. Per ora sembra essere esclusa l'ipotesi di tutta la provincia di Campobasso in zona rossa. 

Ma vediamo la situazione in Italia: zona arancione per Toscana, Liguria, Abruzzo e provincia di Trento, zona gialla per la Sicilia. Sono queste le regioni che a partire da domenica 14 febbraio cono ogni probabilità cambieranno fascia di rischio Covid. In zona arancione, con regole e misure più restrittive, già si trovano l'Umbria (con alcune aree in zona rossa) e la provincia di Bolzano, due regioni che nell'ultima settimana analizzata dall'Iss hanno avuto "un livello di rischio alto".

Per quanto riguarda la zona gialla, da domenica saranno 15 le regioni nella fascia più bassa di rischio: oltre alla Sicilia, si tratta di Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Lombardia, Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Sardegna, Valle d'Aosta e Veneto.


Abruzzo 1,22 (1,16-1,28)

Basilicata 1,2 (0,98-1,44)

Calabria 0,81 (0,73-0,93)

Campania 0,8 (0,73-0,91)

Emilia-Romagna 0,94 (0,91-0,96)

Friuli 0,98 (0,94-1.03)

Lazio 0,96 (0,93-0,99)

Liguria 1,08 (1,02-1.13)

Lombardia 0,97 (0,94-1.01)

Marche 0,94 (0,86-1,04)

Molise 1,09 (0,79-1,41)

Piemonte 0,93 (0,9-0,97)

Provincia Bolzano 1,25 (1,2-1,3)

Provincia Trento 1,2 (1,12-1,28)

Puglia 1,05 (1,01-1,09)

Sardegna 0,87 (0,82-0,93)

Sicilia 0,66 (0,63-0,69)

Toscana 1,1 (1,06-1,16)

Umbria 1,2 (1,13-1,26)

Val d’Aosta 0,77 (0,58-0,97)

Veneto 0,71 (0,68-0,74)