“Torneo Debate: che Impresa!”. L'Istituto Alfano di Termoli in sfida contro altre scuole d'Italia

Cultura, impresa, giovani: un trinomio perfetto per costruire la classe dirigente del futuro. Con questa idea Archivio del cinema industriale e della comunicazione d'impresa, Fondazione Dalmine, Fondazione Giuseppe Merlini, Museimpresa, Società Nazionale Debate Italia e LIUC - Università Cattaneo hanno fatto squadra per creare il primo appuntamento nazionale del “Torneo Debate: che Impresa!”. Una competizione tematica di dibattito rivolta alle classi della scuola secondaria di II grado di tutta Italia, il cui scopo è quello di diffondere la conoscenza della metodologia del debate e di contribuire allo sviluppo di una percezione più matura e critica dei temi dell’Impresa. Ecco perché particolare importanza viene data a un confronto diretto con le fonti documentarie, offrendo ai ragazzi la possibilità di preparare le proprie argomentazioni sulla base di materiali messi a disposizione da musei e archivi aziendali aderenti alla rete di Museimpresa, per contribuire a formare una generazione più informata, consapevole e pronta al dialogo. “Crediamo fortemente in questa iniziativa, che è parte integrante di un percorso di crescita delle nuove generazioni di cui Fondazione Dalmine si è sempre fatta promotrice, in sinergia con le scuole del territorio – le parole di Manuel Tonolini, coordinatore Education di Fondazione Dalmine –. Siamo orgogliosi, anche se non sorpresi, del successo riscontrato da questa iniziativa e in futuro ci piacerebbe poter estendere ulteriormente questo appuntamento per diffondere in modo sempre più capillare tra i giovani la cultura d’impresa, con l’obiettivo di aiutarli a orientarsi nell’impervio mondo del lavoro e a prendere scelte più consapevoli per loro futuro”. Il Torneo, rigorosamente online, si svolgerà in un girone unico composto da 10 squadre provenienti da Basilicata, Campania, Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Molise e Piemonte e si terrà a partire dal 22 marzo 2021. Ogni squadra parteciperà ad almeno tre confronti e le quattro formazioni che otterranno i punteggi più alti accederanno direttamente alle Finali del 27 marzo. A giudicarli, una giuria composta da esperti della Società Nazionale Debate Italia e soci Museimpresa. “Fin dalla sua nascita – esattamente vent’anni fa, nel 2001 – Museimpresa ha sempre avuto come obiettivo la promozione e la valorizzazione della cultura d’impresa, anche nelle scuole, grazie alla collaborazione con insegnanti e studenti. È fondamentale per le nuove generazioni conoscere il passato e la storia imprenditoriale del nostro Paese: solo in questo modo avranno gli strumenti per comprendere come si evolverà la società e sapranno interpretare e gestire le trasformazioni economiche e sociali che verranno. Museimpresa e i suoi associati ne sono consapevoli e per questo hanno aderito e promosso il Torneo Nazionale di Debate dedicato alla cultura d’impresa e ai giovani.” afferma Antonio Calabrò, Presidente di Museimpresa. Le scuole partecipanti potranno anche proporre una squadra diversa per ciascun incontro, in modo da offrire a un maggior numero di studenti la possibilità di confrontarsi con l'esperienza del dibattito, che si svolgerà seguendo il protocollo ufficiale stabilito dal World School Debating Championships. "Questo evento è un primo esperimento di un'iniziativa che speriamo di poter ripetere anche negli anni futuri, naturalmente in presenza – dichiara Daniele Pozzi, Direttore dell’Archivio del cinema industriale e della comunicazione d'impresa e docente LIUC – la LIUC sta iniziando a sperimentare in questi mesi la metodologia del dibattito nella propria didattica e per molti associati di Museimpresa questa iniziativa è stata un primo contatto con il debate. Il torneo, inoltre, adotta una formula molto nuova anche per la Società Nazionale Debate Italia, data l’enfasi sulle fasi preparatorie e il rapporto con le fonti”. Il torneo si caratterizza come una competizione tematica, incentrata sul soggetto della Cultura d’Impresa e sulle problematiche tipiche del mondo della produzione. Durante il girone eliminatorio le squadre dovranno affrontare due mozioni preparate e una mozione impromptu e i partecipanti sapranno soltanto all’ultimo momento se dovranno difendere o attaccare la tesi di partenza. I temi del dibattito sono stati pubblicati dal Comitato Organizzatore sul sito http://cinemaindustriale.liuc.it. Il Torneo si appoggia alla piattaforma di didattica a distanza di LIUC - Università Cattaneo (Moodle) e le gare si svolgeranno su Zoom. Gli studenti delle classi coinvolte nelle fasi iniziali della competizione potranno seguire i dibattiti attraverso una diretta streaming dedicata via Youtube, mentre le fasi finali saranno visibili in streaming da tutti su Youtube e su tutti i canali social degli Enti coinvolti.