"MONOLOCOS" ANIMA CAMPOBASSO: MONOLOGHI IRRIVERENTI DELLA COMPAGNIA STABILE DEL MOLISE - Molise Web giornale online molisano

"Monolocos" anima Campobasso: monologhi irriverenti della Compagnia Stabile del Molise

di Denise Michela Pengue
 
Ieri, 24 maggio, si è tenuto a Campobasso "Monolocos": lo spettacolo finale degli allievi adulti del primo anno della Compagnia Stabile del Molise.  Questa scuola, operante dal 2010 nel Molise, offre ai suoi studenti la possibilità di apprendere la nobile arte del teatro, ottenendo la giusta preparazione per dominare il palco ed aspirare alla figura dell'attore.
Grazie alla regia di Paola Cerimele e Raffaello Lombardi, dal cui connubio nasce la compagnia Molisana, all'ex GIL si è assistito a monologhi irriverenti, divertenti e soprattutto in grado di spingere ad una riflessione. 
 

Monolocos: un'ironia pungente

Come affermato dagli stessi registi, gli allievi sono "un gruppo affiatatissimo": lo si è ben potuto osservare dalla complicità che si è percepita sul palcoscenico, grazie anche ai dialoghi performanti, irriverenti e colmi di "botta e risposta" tutti da ridere. 
Roberto Vecchioni affermava che Il teatro è inventare l'uomo e metterlo sul palcoscenico e Monolocos ha dato uno scorcio di personalità, spiragli di vita, monologhi mai noiosi e mai scontati. 
 
Inoltre vi è stata un'ottima risposta da parte degli spettatori, che sono accorsi numerosi e non sono stati affatto delusi: si sono sbellicati nell'ascoltare le vicende di Suor Filomena, della sfortunata strega Grimilde, di Beatrice, stufa di essere angelicata nei versi di Dante, e dell'angelo che sperava venisse la fine del mondo per riposarsi un po'. E con loro tanti altri attori, che hanno rappresentato situazioni imbarazzanti in maniera calzante. 
 
Insomma, uno spettacolo che offre uno spunto per ragionare sul ruolo del teatro che, in una società effimera e che ama le cose essenzialmente semplici, riesce ancora a fare cultura.