Campobasso. Battista traccia il bilancio 2017, "lavoreremo nella direzione di far crescere la città"

Un bilancio tutto positivo quello tracciato dal sindaco di Campobasso, Antonio Battista,  in una conferenza stampa a Palazzo San Giorgio in cui ha tirato le somme delle attività svolte dalla sua maggioranza nell'anno che si è appena concluso. "Stiamo realizzando passo passo ciò che ci eravamo impegnati a realizzare - così ha esordito il primo cittadino del capoluogo all'incontro con i giornalisti - stiamo lavorando per il futuro e per le future generazioni".
Il primo aspetto che è stato analizzato riguarda 'Campobasso che lavora', sottolineando come nell'anno 2017 l'amministrazione ha assunto 12 persone, la Sea ha dato lavoro a 5 interinali e 20 lavoratori sono stati impiegati solo nel periodo estivo. Per quanto riguarda invece l'ambito sociale 27 persone sono state assunte presso cooperative e per effetto di progetti in collaborazione con l'Inail 123 famiglie di Campobasso hanno contrattualizzato altrettante badanti. Inoltre con l'Ambito Territoriale e Sociale sono state assunte 4 figure professionali e sono stati attivati 243 tirocini formativi per sei mesi e 65 giovani lavorano per il Servizio Civile Nazionale. E non è mancato il riferimento all'impegno preso dall'amministrazione per quanto riguarda la questione degli autisti Seac, "abbiamo salvato dal licenziamento 8 autisti - ha detto Battista. - Questa è solo una parte che riguarda il lavoro, ma è un impegno straordinario che noi e la città abbiamo saputo affrontare".
Per quanto concerne invece 'Campobasso che si rinnova' diversi i regolamenti che l'amministrazione Battista ha approvato nel corso dello scorso anno, come per esempio i regolamenti per la gestione del referendum comunale, per il benessere degli animali, per il verde pubblico, per il governo del gioco lecito, per la consulta femminile, "tutti regolamenti - ha commentato il primo cittadino - che hanno delle ripercussioni a cascata sulla città di Campobasso".
Non poteva mancare un riferimento alle scuole e alla sicurezza degli edifici scolastici per i quali entro febbraio arriveranno tutte le relazioni tecniche stilate dall'Unimol. Anche in questo caso dati positivi quelli enunciati dal sindaco che ha spiegato come in pochi giorni si è trovata una soluzione per gli alunni della scuola Montini. Ha inoltre parlato del concorso di idee per gli istituti di quartiere Cep, via Crispi e zona Vazzieri, per cui l'impegno dell'amministrazione è di appaltare 111 milioni di euro e in merito alla scuola Mascione ha detto che è stato applicato un bando e che entro la fine del 2018 sarà messa la prima pietra del nuovo istituto. Un impegno di spesa di 400mila euro per quanto riguarda la scuola Don Milani, per la quale però molto probabilmente saranno necessarie ulteriori risorse e si è detto soddisfatto per il recupero della scuola di via Gorizia, come anche per il recupero del patrimonio edilizio di 45 ambienti vuoti di via Roma, ex scuola D'Ovidio, dove "averemo finalmente un edificio destinato esclusivamente alla cultura".
Ha continuato il suo bilancio, Battista  parlando degli interventi di ammodernamento della macchina comunale citando la carta d'identità elettronica, Campobasso, infatti, è tra le prime città italiane ad adottarla, l'alternanza scuola lavoro, il recupero delle aree urbane come anche la messa in sicurezza della collina Monforte e l'impiego di nove milioni e mezzo di euro per trasporti, sicurezza dei cittadini e turismo. "Abbiamo fatto interventi per un recupero intelligente di una porzione della nostra periferia - ha continuato il primo cittadino - che riguarda anche il mercato coperto e in merito a questo abbiamo recepito tutte le indicazioni che venivano in questi anni dal territorio. Sarà un'operazione che tenterà di cambiare una parte del volto di questa città o ne migliorerà l'immagine". 
Una prospettiva futura è stata data ai finanziamenti e si tratta di risorse che serviranno per la tangenziale Nord di Campobasso, di cui sarà approvato il progetto al prossimo consiglio comunale, per il sottopassaggio del Terminal, per il quale si è dovuto risolvere questioni che riguardavano degli espropri, lo Stadio per il quale l'amministrazione si è impegnata per il collaudo e inoltre saranno impiegati due milioni di euro per marciapiedi e asfalto che a breve, a detta del sindaco, saranno sotto gli occhi di tutti. Ulteriori risorse saranno poi recepite dalla vendita di alloggi comunali.
A breve  Campobasso potrà godere anche del sistema di videosorveglianza "che darà maggiore sicurezza alla città". Iniziative anche per quanto riguarda gli anziani e le fasce più deboli, è stato fatto un bando RSA, per cui sono arrivate due proposte, è stato aperto il centro sociale di via Emilia, è stato inaugurato un centro antiviolenza.
Per quanto riguarda invece 'Campobasso da vivere' il sindaco si è soffermato sull'aspetto della raccolta differenziata, "si procederà per step - ha detto - e a distanza di 15 giorni si coinvolgeranno gruppi di circa 1500 famiglie, si copriranno prima tutte le contrade per poi arrivare al centro della città" e ha poi parlato del bando per il trasporto pubblico e del piano neve, "ci sarà un numero verde e una centrale operativa dove i cittadini potranno inoltrare delle richieste". 
"Continueremo sulla scia delle azioni già realizzate - ha concluso - lavorando nella direzione di far crescere la città".
 
Miriam Iacovantuono