Inquinamento nella Piana di Venafro, sale la preoccupazione

Da un’analisi condotta dall’ISDE sulla salute dei comuni della Piana di Venafro emerge che la situazione è preoccupante e che secondo quanto dichiarato dall’ l’associazione ‘Mamme per la Salute e l’Ambiente Onlus’ di Venafro è necessario tenere conto della criticità in cui versa il territorio.

Un’analisi, quella condotta dall’ISDE che però evidenzia solo un quadro generale della situazione e a tal proposito secondo l’associazione venafrana è necessario stipulare una convenzione tra Comune di Venafro, Isde Molise e Associazione ‘Mamme per la Salute e l’Ambiente Onlus’ di Venafro che incaricheranno il Dott. Bianchi, medico dell’ISDE che ha condotto la prima analisi,  di condurre un vero studio epidemiologico-eziologico che possa contribuire a individuare, definitivamente, le cause per le quali ci si sta ammalando in particolare nei comuni di Venafro, Conca Casale, Pozzilli, Sesto Campano, Montaquila e Monteroduni, e per le quali si continua a morire.

Una proposta accolta positivamente dal primo cittadino di Venafro, Alfredo Ricci, che ha dichiarato di stanziare una somma per portare avanti lo studio epidemiologico e invitare gli altri sindaci dei Comuni interessati a firmare la convenzione.

“Gli enti, i funzionari e tutti coloro che hanno responsabilità in merito alla tutela della salute pubblica si attivino concretamente perché il percorso intrapreso dall’associazione e dai cittadini è inarrestabile e la verità non è più oscurabile – questo il messaggio dell’associazione Mamme per la Salute e l’Ambiente Onlus di Venafro” che continua ad essere vigile sulla situazione che interessa l’intero territorio della Piana venafrana e che continua a vedere ammalarsi e a morire persone.