Micalela Fanelli: “Finisce una giornata drammatica per la maggioranza regionale”

Di seguito la nota del capogruppo Pd Micaela Fanelli:

“Prima le dimissioni di De Matteis che, come da noi scoperto, era stato nominato in violazione della legge Madia. Poi la crisi vera. Toma sfiduciato due volte: dalla sua maggioranza, poiché ha chiesto di fare quadrato su Mazzuto e ha ottenuto un niet.

E poi si autosfiducia dicendo che la posizione la decide la Lega. Che significa? Che non ha il timone su nulla, né sulla sua maggioranza, né sulla scelta che ne conseguirà, visto che dovrà attendere le indicazioni che arrivarono da Pontida. La nostra mozione di sfiducia non passa, ma non importa, poiché il vaso è scoperchiato. Incapacità politica e amministrativa. Consumato tutto in un clima pesantissimo. I lavoratori presenti senza risposta perché senza assessore e senza amministrazione capace di darne. Un senso di forte frustrazione da parte di tutti, noi Consiglieri che avremmo voluto proseguire con gli ordini del giorno iscritti in Consiglio, rinviato al 16 luglio. Incredibile.

Le istituzioni regionali mai state così indifese e deboli. Alla fine, né gli ex lavoratori ittierre, né gli altri lavoratori del Molise hanno qualcuno che si occupi di loro. Che periodo nero. Noi proponiamo un nuovo slancio. Una visione e risposte concrete e quotidiane. La priorità nelle assunzioni, dopo gli ammortizzatori che non bastano. Ma soprattutto un disegno di futuro, di speranza. Quello che oggi questa maggioranza ha già dimostrato di non saper assicurare ai molisani”.