Villaggio Coldiretti. Dalla tre giorni milanese grande visibilità e attenzione per l'agroalimentare regionale

Si è concluso con un grande successo anche per il Molise il Villaggio Coldiretti che per tre giorni, da venerdì 5 a domenica 7 luglio, ha portato nel cuore di Milano la grande bellezza delle campagne italiane. A rappresentare il Molise, fra le eccellenze del Made in Italy, due aziende, la “Masseria D’Onofrio” di Bonefro ed il “Caseificio San Felice” di Vastogirardi. Le due aziende hanno conquistato gli oltre 700mila visitatori con prodotti da forno, pasta artigianale e pasticceria secca, ma anche farine e taralli alla canapa e ancora caciocavalli, scamorze passite ed altri prodotti lattiero-caseari. Prodotti della tradizione regionale non privi di originali innovazioni, che hanno ricevuto il plauso anche dell’Assessore regionale all’Agricoltura, Nicola Cavaliere, che recatosi a Milano per la manifestazione si è intrattenuto anche con i produttori molisani presenti al Villaggio. Nel suo complesso il Villaggio ha ospitato 400 stand tra mercati degli agricoltori, aree del gusto, street food, stalle, agriasili, fattorie didattiche, orti, antichi mestieri, pet therapy, agrichef, laboratori, trattori e nuove tecnologie e workshop, presso i quali è stato possibile degustare, apprendere, giocare e divertirsi al fianco di oltre diecimila agricoltori. Alla tre giorni del Villaggio Coldiretti con il presidente Ettore Prandini e il segretario generale Vincenzo Gesmundo non sono mancate le personalità delle Istituzioni e del mondo politico, dal Vicepremier e Ministro dell’Interno Matteo Salvini al Vicepremier e Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio, dal Ministro dell’Istruzione Marco Bussetti a quello delle Politiche agricole, Gian Marco Centinaio, solo per citarne alcuni. Nel corso della tre giorni sono stati inoltre sottoscritti anche importanti accordi come quello promosso da Cassa depositi e prestiti, Coldiretti e Filiera Italia per favorire la ricerca e l’attuazione di soluzioni a sostegno della filiera agroalimentare italiana, con la presenza dell’amministratore delegato Fabrizio Palermo; l’intesa firmata da Eni e Coldiretti che stabilisce importanti aree di collaborazione sull’economia circolare, alla presenza dell’ A.D. Eni, Claudio Descalzi, il protocollo firmato con il Ministero della Pubblica istruzione che porta gli agricoltori nelle scuole con l’educazione alimentare che diventa materia di studio, l’accordo con Terna e Anbi per la realizzazione di invasi e laghetti artificiali al servizio delle aziende agricole. “Portiamo a casa un’esperienza positiva e stimolante – ha affermato il direttore regionale della Coldiretti, Aniello Ascolese -  che ha confermato quanto noi di Coldiretti diciamo da tempo, ovvero che il Molise è una regione che conquista sempre più l’attenzione del grande pubblico non solo per la natura incontaminata ma anche per gli ottimi prodotti agroalimentari che è in grado di offrire”.