Cattedrale di Campobasso, Gravina chiede un intervento finanziario al Mibac

Dopo la chiusura della Cattedrale di campobasso a causa del cedimento di una parte del solaio, il sindaco del capoluogo, Roberto Gravina rende noto, l'amministrazione comunale  ha interessato il Mibac al fine di giungere ad uno stanziamento straordinario per il completamento dei lavori e la successiva riapertura.

Dopo aver incontrato informalmente il Ministro Bonisoli a Roma e dopo aver interessato la struttura ministeriale, lo scorso venerdì, il primo cittadino ha formalmente scritto una nota al capo di gabinetto per "sollecitare, compatibilmente con le risorse disponibili, un intervento finanziario riguardo i lavori di restauro già in atto presso la Cattedrale di Campobasso, lavori per i quali i fondi già attivati risultano insufficienti allo scopo".

Successivamente, dopo aver consultato Monsignor Bregantini e in accordo con la Curia, si è concordato che in questa fase, il Comune svolgerà il ruolo di facilitatore nella comunicazione con la struttura ministeriale e per essa, con la locale soprintendenza, curando la trasmissione della documentazione e tutto quanto utile per velocizzare la risoluzione del problema.

"Al Mibac, nei prossimi giorni, - ha dichiarato Gravina - gireremo la documentazione della Curia relativa ai lavori da effettuare per poter riaprire la Cattedrale alla città. Il nostro è un ruolo di connessione che intende agevolare il più possibile le procedure e le tempistiche necessarie alla riapertura di un luogo che rappresenta per Campobasso un patrimonio di fede e di storia".