Il viceministro Fioramonti in visita a Campobasso assicura finanziamenti per l'edilizia scolastica

In occasione della serata finale del Festival dello Sviluppo Sostenibile è arrivato a Campobasso Lorenzo Fioramonti, viceministro al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca. Il primo incontro è stato con il sindaco del capoluogo Roberto Gravina.
Rispondendo alle domande dei giornalisti Fioramonti ha spiegato che i motivi della sua visita sono legate alla volontà di portare il Governo ad ascoltare le ragioni di una Regione che è storicamente rappresentante delle aree interne molto spesso più disagiate rispetto al resto del Paese.
Un'occasione quella del Festival dello Sviluppo Sostenibile per parlare di sviluppo eco sostenibile e partecipare ad una serie di appuntamenti che aiutano a scoprire il ruolo dei nostri territori e come radicare l'università, le scuole e il mondo della formazione nel territorio stesso e come lavorare sempre di più con le scuole e con le imprese che vogliono fare investimenti tecnologici in aree storicamente più emarginate, facendo in modo che si possano creare delle sinergie tra le varie istituzioni della formazione. 
Il Molise come tante regioni ospita accademie, università, scuole e conservatori importanti che, come ha detto il viceministro Fioramonti "devono lavorare in maniera più sincronica per portare benessere a livello locale anche grazie a maggiori finanziamenti da parte del governo".
Per il viceministro cambio di rotta nella sinergia tra università e mondo del lavoro, "si sta lavorando affinché ci sia un filo diretto tra l'università e l'impresa, è necessario - ha detto -  fare in modo che le imprese vengano coinvolte da subito nella gestione della ricerca e della formazione universitaria e quindi creare una congiunzione e allo stesso tempo anche la formazione deve essere più allineata con i bisogni delle imprese".
In merito all'edilizia scolastica, un tema molto caldo in Molise il viceministro ha spiegato che "il governo ha investito e continuerà a farlo affinchè si possano mettere in sicurezza tutti gli edifici del Molise che hanno subito danni a causa di problemi geologici. Il nostro Ministero - ha aggiunto - ha stanziato finanziamenti di bilancio che quest'anno andranno sull'edilizia scolastica, sull'edilizia accademica e quella dei conservatori, affinché anche le università e altre istituzioni possano ritentare nei finanziamenti già erogati".
L'Italia però si trova a dover affrontare un altro problema che è quello degli insegnanti che vanno in pensione e che non vengono sostituiti e in merito a questo Fioramonti ha assicurato che si sta lavorando, "c'è un concorso per 70mila insegnanti. Lo Stato ha uno strumento che è quello dei concorso e ha il compito di farlo funzionare". Le lunghe liste di precari secondo l'esponente del MoVimento Cinque Stelle si sono create negli anni proprio perché i governi precedenti non sono stati capaci di far funzionare la macchina dei concorsi.
"Nonostante le difficoltà ereditate dagli anni passati il Governo - ha dichiarato il viceministro - sta facendo dei tentativi per rimettere insieme un modello che dia spazio alle scuole e agli insegnanti, ridando loro un ruolo centrale all'interno dello sviluppo del Pese". 
In merito ad una possibile condanna di Savoini e la posizione del MoViemnto Cinque Stelle, il viceministro Fioramonti ha dichiarato che "c'è una questione aperta con la Russia, vediamo quello che accade".
La visita del viceministro è continuata presso l'Università degli Studi del Molise, dove ha incontrato il Rettore Luca Brunese e poi presso il Conservatorio 'Lorenzo Perosi'.
 
Miriam Iacovantuono