L'onda Pride invade Campobasso: "Vogliamo una legge contro l'omofobia"

Un successo inaspettato, tantissime le persone che si sono riunite per il Molise Pride e che per il secondo anno consecutivo hanno riempito le strade di Campobasso. Un benvenuto ai tanti partecipanti che hanno colorato il capoluogo è stato dato dal primo cittadino di Campobasso Roberto Gravina. Un forte segnale è stato lanciato anche contro le minacce di morte agli organizzatori e ai partecipanti  apparse in questi giorni sul web dopo che il Comune di Campobasso ha concesso il patrocinio alla manifestazione.
Il corteo, partendo dalla stazione del capoluogo, ha attraversato il corso di Campobasso per giungere a piazza della Vittoria dove tra musica e balli non è mancata 'Bella Ciao', intonata dagli organizzatori e cantata in coro da tutti i partecipanti.
Tante sono state le testimonianze in questa giornata dedicata ai diritti e all'amore libero e tra queste anche la storia di Karole Di Tommaso, di Guardialfiera, che ha portato la sua storia al cinema con il film 'Mamma + Mamma'.
Unanime il messaggio lanciato dagli organizzatori e sostenuto dai partecipanti: "vogliamo una legge contro l'omofobia".
 

Photo Gallery Molise Pride 2019