Montemitro. L’Agricooltour Festival 2019 fa tappa al Giardino dei ciliegi

Agricooltour festival 2019 passa anche da "Il giardino dei ciliegi".  Il tour più bucolico che c’è, farà tappa alla fattoria sociale di Montemitro (CB), venerdì 2 agosto alle 21,30, con un concerto acustico della cantautrice, anche lei molisana, Liana Marino. L’esibizione sarà preceduta, alle 20,30, da un aperitivo cenato che avrà un costo di 10 euro a persona con i prodotti bio dell’azienda. È inoltre gradita la prenotazione contattando il signor Maurizio al numero 3471926278. Agricooltour Festival è promosso da Isola Tobia Label per offrire ai cantautori la possibilità di portare la propria musica tra fattorie e aziende agricole selezionate fra quelle con i paesaggi più belli d’Italia, abbinando la semplicità di un concerto acustico alla genuinità dei sapori del territorio. IL GIARDINO DEI CILIEGI è un’azienda agricola biologica di 13 ettari nata nel 2014. La fattoria si pone come obiettivo quello di avvicinare le persone ad una agricoltura sana, naturale, in sintonia con l'ambiente circostante. Insieme alla produzione di olio extravergine d'oliva, cereali, ortaggi e frutta secondo il metodo dell’agricoltura organica e rigenerativa del suolo, l’azienda propone attività didattiche con le scuole e le famiglie, attività sociali con cooperative e associazioni, e attività ricreative come iniziative culturali, degustazioni e corsi. Liana Marino, oltre ad aver ottenuto importanti riconoscimenti in premi legati alla canzone d’autore, ha partecipato a festival e rassegne nazionali e internazionali, condividendo il palco con, tra gli altri, Paolo Benvegnù, NCCP, Teresa de Sio e Fausto Mesolella. La grazie e l'eleganze  è il titolo del suo primo EP, autoprodotto. La sua musica si muove tra individualità della canzone d’autore e essenzialità e immediatezza della tradizione popolare, intreccia in modo naturale ritmi rock e folk a sonorità jazz e sudamericane. I testi e la melodia, che arrivano attraverso una voce limpida e pulita e il suono di una chitarra acustica suonata principalmente in fingerpicking, si fondono con naturalezza e spaziano tra malinconia e allegria, speranza e leggerezza, evocando, in alcuni casi, immagini che arrivano da lontano e sentimenti spesso dimenticati.