SanitĂ . Liste d'attesa: al Molise 5,8 milioni di euro per la digitalizzazione dei Cup

Dopo le novità sui nuovi codici che saranno utilizzati nei Pronto Soccorsoarriva il via libera da parte da parte della Conferenza Stato Regioni al riparto dei 400 milioni di euro per digitalizzazione dei Cup. Le risorse saranno ripartiti per il trimestre 2019/2021 (150 milioni per l'anno 2019, 150 milioni per l'anno 2020 e 100 milioni per l'anno 2021).

Come si legge su 'Quotidiano sanità' i criteri per assicurare a tutte le Regioni un’equa ripartizione delle risorse sono stati elaborati dal tavolo di lavoro composto da rappresentanti del Ministero della Salute, del Ministero dell’Economia e delle Finanze e del Coordinamento tecnico della commissione salute delle Regioni e Province autonome. Accanto ai criteri di riparto, il tavolo ha elaborato anche indicatori e relative soglie al cui raggiungimento i fondi saranno effettivamente erogati. 
La verifica della percentuale di realizzazione degli obiettivi di digitalizzazione dei sistemi regionali di prenotazione per l’accesso alle strutture sanitarie ai fini dell’erogazione delle risorse spetta all’Osservatorio nazionale sulle liste d’attesa, che opererà presso il Ministero della Salute. 
Nel decreto si specifica, infine, che la mancata realizzazione degli obiettivi determina l’obbligo di restituzione dell’acconto allo Stato che può procedere al relativo recupero anche a carico delle somme a qualsiasi titolo spettanti negli esercizi successivi.

Soddisfazione è stata espressa dal Ministro della Salute Giulia Grillo, "si tratta - ha detto -  di 400 milioni di euro che avevamo stanziato nella legge di stabilità dell’anno scorso e nel decreto fiscale. Con una maggiore digitalizzazione dei Cup si potranno consultare in tempo reale, anche dal computer o dallo smartphone, tutte le agende, sia nel pubblico sia nel privato, modificare gli appuntamenti e pagare i ticket. È un’innovazione che cambierà davvero la qualità del nostro sistema di prenotazione delle visite risparmiando tempo ed evitando attese faticose e inutili".

Una suddivisione dei fondi che vede assegnare al Molise 5,8 milioni di euro.