Sant’Angelo del Pesco: transumanze terrestri e celesti sotto al cielo stellato dell’Alto Molise

Nuova iniziativa che andrà in scena sabato 10 agosto  nel  piccolo Comune Sant’angelo del Pesco in provincia di Isernia. Segnale che i piccoli comuni molisani sono l’unione tra tradizioni e  modernismo attraverso manifestazioni che attraggono utilizzando il  patrimonio del Molise: la natura. “andare e poi tornare. questo era il mestiere: cucire una terra all’altra col filo del fiato” recita il poeta, scrittore e regista Franco Arminio che ama definirsi  “paesologo”. Allo stesso modo, l’iniziativa di Sant’Angelo del Pesco, vuol creare un  nuovo festival della paesologia in Molise nella notte di San Lorenzo. Dibattito, musica, la “Cena del Pastore” a partire dalle 17 allieteranno  l’attesa della notte di agosto in cui si possono osservare le stelle  cadenti. La notte ricca di fascino in cui  milioni di persone restano  con il naso all'insù in attesa di vedere uno spettacolo unico. Il piccolo paese dell’Alto Molise utilizza così l’ultima risorsa a cui  una terra può attingere per stupire quanti, anche dal vicino Abruzzo,  prenderanno parte all’evento: lo stupore  nella semplicità. Perché “ non  bisognerebbe stancarsi mai di provare un attimo di sbalordimento di  fronte a quelle cose che ci paiono ovvie, il suono della propria voce,  la venatura di una foglia, le stelle che cadono la notte di San Lorenzo  afferma il sindaco Nunzia Nucci citando il giornalista e scrittore Luca Goldoni. In un’epoca in cui siamo intenti a correre nella vita frenetica vita  quotidiana, in ci a volte i valori paiono venir meno,fermarsi a godere  delle bellezze della natura che attraverso un respiro legalo la  transumanza del mondo celeste con la terra come, nella nostra società di  origine contadina e pastorizia, si era soliti unire una terra all’altra  nel periodo della transumanza. Un evento originale e unico del suo genere che, dalla presentazione, si  raccomanda di non perdere.