Campobasso. Criticità cimitero comunale, Gravina illustra le soluzioni

Nel dibattito del Consiglio comunale di Campobasso che si è svolto nella giornata di oggi 12 settembre, non è mancata la discussioni legata alle criticità che si sono verificate all'interno del cimitero comunale in seguito alle cattive condizioni climatiche e che hanno costretto all'estumulazione di 32 salme e la loro successiva tumulazione nella parte superiore dello stesso edificio. I Consiglieri Annuario, Colagiovanni ed Esposito hanno interrogato il sindaco a riguardo, il quale ha spiegato che gli interventi sono stati realizzati e curati dalla D.R. Multiservice, azienda specializzata nel servizio ed autorizzata allo stesso senza il necessario ausilio di medico sanitario come peraltro accade in occasione delle estumulazioni ordinarie e straordinarie.
"Dai primi accertamenti effettuati - ha aggiunto - ed ancora in corso di definizione, le responsabilità sembrano possano attribuirsi alle tecniche di realizzazione del predetto lotto E, responsabilità che comunque sono in corso di verifica e contestazione. Quanto ed eventuali responsabilità politico-amministrative, si sta procedendo alla verifica del progetto e della sua realizzazione, peraltro approvata dall’Amministrazione comunale, con delibera di G.C. n. 11/2017. In particolare, va ricordato che l’Amministrazione faceva richiesta alla Dondi s.p.a. di prevedere nel Progetto Esecutivo che si andava a redigere, il ricavo di loculi, su piano seminterrato o interrato, da offrirsi a costi economicamente meno onerosi, a favore di quelle famiglie aventi bassi potenziali di redditività, così come previsto tra l’altro, nel citato atto giuntale di questo Comune n. 38/2009 ed in data 27/06/2016 la Dondi provvedeva a presentare il Progetto Esecutivo del corpo E interessato dal citato allagamento nel piano interrato. Ne consegue che la scelta di realizzare i locali in oggetto è stata voluta e sostenuta dalla precedente amministrazione, autorizzando pertanto la summenzionata “variante” ragion per cui si lascia ad ognuno la valutazione circa le responsabilità politiche su quanto realizzato”.
Sulla questione poi un'interpellanza a firma dei Consiglieri di opposizione del centrosinistra e in particolare la richiesta presentata dalla Consigliera Chierchia riguarda l'allargamento di una parte della zona cimiteriale oltre a capire le condizioni dell'edificio anche in merito a possibili questioni d sicurezza e salute.
Il sindaco a proposito ha risposto che "dai primi accertamenti effettuati ed ancora in corso di definizione, le responsabilità sembrano possano attribuirsi alle tecniche di realizzazione del predetto lotto E, responsabilità che comunque sono in corso di contestazione e verifica".
In seguito dunque agli episodi e alle criticità che quindi hanno interessato il cimitero comunale il primo cittadino ha spiegato che tra i provvedimenti adottati si è disposto il blocco della libera vendita dei loculi invenduti oltre all’avvio di una istruttoria al fine di verificare la corretta esecuzione del progetto in ordine alle opere di contenimento e regimentazione delle acque. Si è in attesa di riscontro da parte della concessionaria Dondi s.p.a.
"Infine, - ha aggiunto - per quanto concerne il cronoprogramma, la traslazione delle 32 salme si è conclusa il giorno 1 settembre, mentre da impegni formali assunti dalla concessionaria, intorno al 13 settembre dovrebbe prevedersi il libero accesso al piano superiore presso il quale sono ora ospitate le salme interessate dalla traslazione”.
Ha poi aggiunto che è in fase di montaggio la passerella che permetterà l'accesso. Inoltre è intenzione dell'amministrazione comunale obbligare la ditta Dondi s.p.a. a favorire le volontà delle famiglie che hanno subito la transazione di poter disporre di loculi non ancora venduti e per evitare una successiva tumulazione le famiglie possano scegliere di lasciare il defunto anche dopo il completamento dei lavori.
Il Consigliere Chierchia si dice parzialmente soddisfatta e chiede ulteriori informazione sugli esiti delle verifiche e sulle risposte che verranno date dalla ditta Dondi s.p.a. ed è importante inoltre secondo la minoranza di centrosinistra capire quindi di chi sono le responsabilità.