Il reddito di cittadinanza è più percepito al Sud: qual è la percentuale in Molise?

Il reddito di cittadinanza, il sussidio economico per le famiglie in difficoltà, è stato fortemente voluto dal MoVimento Cinque Stelle che ne ha fatto il proprio cavallo di battaglia.
Da un'analisi pubblicata su 'Il sole 24 ore' si evince che le persone che stanno percependo questo sussidio si concretano tutte al Sud e in particolare, è la Calabria la regione in cui è più frequente incontrare un’incidenza dei percettori del reddito di cittadinanza superiore alla media nazionale. Al contrario, in Trentino Alto Adige sono appena quattro i comuni con un risultato superiore alla media.
L'analisi parte dalla percentuale di coloro che nel 2018 non hanno dichiarato un reddito sul totale dei residenti nella fascia di età 15-64, aggiornato al 1 gennaio dello stesso anno. Il dato è stato elaborato incrociando numeri del ministero dell’Economia e dell’Istat. Il risultato era la percentuale di disoccupati e inoccupati sul totale della popolazione presa in considerazione. È ovvio che, avendo calcolato gli occupati come coloro che hanno presentato una dichiarazione dei redditi, sono esclusi i lavoratori in nero. E del resto non esiste qualcosa come un censimento dei lavoratori in nero.
E in Molise? I comuni con la percentuale più alta sono San Biase, 17,02%, Duronia con il 14,85%, Campochiaro dove le persone che hanno ottenuto il sussidio sono il 13,30%, Sant'Elena Sannita con il 12,39% e Molise con l'11,76% dei percettori. Tutti piccoli comuni dove evidentemente il tasso di disoccupazione è molto alto e anche la condizione sociale ed economica delle famiglie supera i livelli medi.
Tra i comuni invece dopo c'è un basso numero di persone che sono fuori dal mercato del lavoro e hanno ottenuto il reddito di cittadinanza c'è Sant'Angelo del Pesco con solo l'1,32%, Matrice e Capracotta con il 2,03%, San Pietro Avellana con il 2,05% e ancora Belmonte del Sannio con il 2,72% e Montefalcone nel Sannio dove le persone che percepiscono il sussidio sono il 2,84%.
Passando al capoluogo di regione vediamo che la percentuale delle persone che sono fuori dal mercato del lavoro e hanno ottenuto il reddito di cittadinanza è del 7,35%, quasi l'1% in più rispetto ad Isernia dove la percentuale è del 6,12%. A Larino invece il sussidio è stato percepito dal 7,42% e ad Agnone dal 3,36% dei residenti senza lavoro.