Larino. L'Amministrazione comunale replica al Germoglio

L’Amministrazione Puchetti, replica alla accusa e versione fornita dall’opposizione “Il Germoglio” a seguito del consiglio comunale del 5 ottobre. Secondo l'amministrazione Puchetti il resoconto pubblicato dalla minoranza su quanto accaduto nell’ultimo consiglio comunale si limiterebbe ad evidenziare solo le discussioni relative alle interpellanze poste dai consiglieri di opposizione:

<< richieste di contributo da parte cittadini che hanno ricevuto l’ordinanza di sgombero dalle loro abitazioni dopo il sisma dello scorso anno. Il Sindaco ha letto una nota a sua firma, nella quale ha puntualmente risposto alle informazioni richieste dall’interpellante. Tra l’altro, ha letto, l’art. 1, comma 6, dell’Ordinanza del Capo del Dipartimento di Protezione Civile n. 576 del 15 febbraio 2019, nel quale sono indicati i requisiti e i criteri per accedere al contributo, tra cui le condizioni di residenza e di abitazione principale, abituale e continuativa nell’immobile dichiarato inagibile al momento del sisma. Quindi nessuna grave irregolarità, come affermato nell’articolo de “Il Germoglio”, la nota è stata posta agli atti del consiglio e trasmessa al consigliere Di Maria.

La seconda interpellanza, sempre del consigliere Di Maria, ha avuto ad oggetto il contributo erogato dall’ente per il servizio trasporto mare. Il consigliere di minoranza ha sollevato dubbi circa la procedura seguita dal responsabile del servizio per il relativo affidamento, in quanto ha sostenuto che lo stesso è stato affidato per un importo superiore a quello previsto in bilancio e ha chiesto al Segretario Comunale di verificare la correttezza della procedura seguita. L’assessore Vitiello, in riferimento all’interpellanza, si è limitata, come è giusto che fosse, ad illustrare la procedura seguita dal Responsabile del servizio e contenuta in una nota trasmessa al consigliere stesso, agli atti del Consiglio Comunale. È doveroso rimarcare che il responsabile, Ing. Giovanni Lapenna, non abbia commesso nessuna violazione amministrativa in quanto prima che il servizio venisse affidato, ha determinato il costo in base alla tariffa chilometrica praticata dalla Regione Molise per il trasporto extra-urbano per trenta giorni per un importo al netto di iva pari a 3.500,00 euro e poi ha chiesto alle ditte di trasporto che utilizzano il terminal bus un’offerta non superiore a tale importo. Essendo prevista in bilancio la somma di euro 2.500,00, (somma pari a quella impegnata nel 2018 per l’effettuazione dello stesso) ha affidato il servizio per venti giorni alla ditta che aveva proposto la migliore offerta e successivamente, dopo la variazione di bilancio, approvata con deliberazione di Consiglio comunale n. 41 del 25.07. 2019 (Proposta  n. 45 del 16.07.2019), ha affidato alla medesima ditta il servizio per ulteriori dieci giorni per la somma di Euro 1.350,00. L’assessore Vitiello non ha fatto riferimento ad aspetti politici in quanto esulavano dall’argomento oggetto di interpellanza essendo gli stessi contenuti nella volontà dell’amministrazione di garantire un servizio reso da anni, più volte richiesto ed apprezzato dalla comunità. Il consigliere Di Maria si è dichiarato insoddisfatto della risposta resa, e quindi si è preso atto, ancora una volta, che quello che di buono e di utile si fa per la comunità, ritiene ostacolarlo cercando di trovare cavilli procedurali.

In merito alla terza interpellanza del consigliere Di Maria, relativa ad una determinazione che prevedeva l’affidamento ad una ditta per l’esecuzione di numero cinque scavi di fosse, per essere utilizzate per inumazione, preme solo rettificare la risposta del Sindaco riportata “erroneamente” nell’articolo de “Il Germoglio”. La determina non ha per oggetto estumulazioni, ma tratta solo operazioni di scavi per inumazioni, cioè il seppellimento di salme a terra, che non necessitano di autorizzazione da parte del Sindaco, ma solo di essere iscritte nel registro cimiteriale ai sensi del vigente regolamento di polizia mortuaria.

La quarta interpellanza, avente ad oggetto chiarimenti sulla gara di affidamento dei lavori per la realizzazione degli impianti sportivi in c. da monte Arcano, è stata presentata dal consigliere Mezzapelle. L’assessore Bonomolo ha risposto all’interpellante dando risposte puntuali alle specifiche richieste di informazioni in merito, comunicando al consiglio che entro pochi mesi i lavori saranno affidati. Contrariamente a quanto riportato dall’articolo de “Il Germoglio”, il consigliere Mezzapelle ha dichiarato di essere soddisfatto della risposta, anche se ha espresso perplessità sulla proroga di ulteriori 6 mesi per espletare le procedure connesse alla gara di affidamento dei lavori.

A questo punto secondo l’articolo de “Il Germoglio” si è passati a discutere della sostituzione di un membro del c.d.a. della casa di riposo Achille Morrone. In realtà l’ordine del giorno prevedeva prima di questo punto, due ratifiche relative a variazioni di bilancio, i veri punti fondamentali dell’ordine del giorno del consiglio. Con la prima variazione si è ratificato, tra l’altro, l’acquisizione da parte dell’ente di euro 70.000,00 concessi dal Ministero delle Infrastrutture per interventi di efficientamento energetico alla rete di illuminazione comunale, i cui lavori dovranno iniziare entro il 31 ottobre c.a. . Con la seconda variazione il Consiglio ha ratificato la richiesta di finanziamento pari a € 471.000,00, per il rifacimento della strada “Carrera di San Pardo” in c.da La Francesca, in quanto l’amministrazione Puchetti ha presentato una progettazione esecutiva a valere su un bando regionale sulla viabilità, e un finanziamento concesso all’Ente comunale dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e Ricerca pari a € 100.000,00 che permetterà di adeguare alla normativa antincendio i plessi scolastici della Rosano e della Magliano. Da sottolineare la differente posizione dell’opposizione che ha espresso voto contrario nella prima ratifica e voto favorevole nella seconda, come se  i fondi ottenuti per interventi di efficientamento energetico alla rete di illuminazione pubblica non siano da considerarsi utili.

Infine, per quanto riguarda l’ultimo punto all’ordine del giorno, il consiglio ha provveduto ad individuare un nuovo membro del consiglio di amministrazione della Casa di riposo “Achille Morrone Onlus” a seguito delle dimissioni di Don Costantino Di Pietrantonio che ha lasciato la Parrocchia di San Pardo. Dopo la nomina del nuovo componente, Avv. Eduardo Stinziani, la consigliera Vizzarri ha comunicato al consiglio di aver presentato una richiesta di incontro con i componenti del consiglio di amministrazione della casa di riposo al fine di verificare la situazione gestionale della stessa. A riguardo il Sindaco ha dato disponibilità nel fissare il relativo incontro nel corso dei prossimi giorni, precisando però, che non vi è nessun obbligo da parte del consiglio della casa riposo ad essere ascoltato dai componenti del consiglio comunale e ancor di più il consiglio comunale non può entrare in merito ad aspetti specifici come la verifica di eventuali incompatibilità dei componenti della casa di riposo, come richiesto dai componenti de “Il Germoglio”. Ci auguriamo che i futuri articoli de “Il Germoglio” riportino tutte le discussioni previste all’ordine del giorno e anziché dibattere di fosse e navette, in consiglio comunale, si possa elevare il livello della discussione su tematiche di prospettiva futura dello sviluppo di questa Città>>.