Mafia. Occhionero indagata per falso. l'Onorevole coinvolta nell'inchiesta Nicosia

La deputata di Italia Viva Giuseppina Occhionero è indagata dai pm di Palermo per falso in concorso. Avrebbe fatto passare il Radicale Antonello Nicosia, poi arrestato per mafia, per suo assistente, consentendogli di entrare nelle carceri. Il rapporto di collaborazione tra i due, però, sarebbe stato formalizzato solo successivamente. Alla parlamentare è stato notificato un avviso di garanzia.

Al suo collaboratore, Antonello Nicosia, viene invece contestato il concorso in falso aggravato. È proprio il ruolo dell’ex assistente della parlamentare a inguaiare la deputata, dopo che il 4 novembre scorso il Ros dei carabinieri e il Gico della guardia di finanza avevano arrestato, su disposizione della procura del capoluogo siciliano, Antonello Nicosia e il boss di Sciacca, Accursio Dimino, accusati di associazione mafiosa, Luigi e Paolo Ciaccio e Massimiliano Mandracchia per favoreggiamento.