A Bagnoli del Trigno la nona edizione della Mostra del Presepe Artistico più grande del Molise

Con oltre 350 statue e personaggi, quasi quanto la metà degli abitanti residenti nel comune di Bagnoli del Trigno, in 350 metri quadri allestiti, per un totale di 8 stanze e un corridoio che le unisce ricche di invenzioni e frutto di quattro mesi di preparativi, anche quest’anno, per il nono anno consecutivo, il Gruppo di volontariato ha dato vita alla grandiosa Mostra del Presepe artistico più grande del Molise. L’esposizione, allestita presso i locali del Santuario di Fatima dal 7 dicembre al 12 gennaio, farà rivivere le tradizioni natalizie per l’intero periodo delle feste. Un presepe ricco di casette, personaggi, paesaggi e animali, alcuni di essi anche vivi. Un’immersione nel clima natalizio, una suggestione di luci e suoni natalizi, una carezza ad un animaletto; tanti i motivi per visitare anche quest’anno quest’opera incantevole, binomio sinergico tra diverse fasce generazionali che hanno deciso di sfruttare il proprio tempo libero per divertirsi insieme e allo stesso tempo per fare qualcosa di utile per il paese. Oltre al presepe i visitatori potranno districarsi anche tra i banchetti di un ricco mercatino dove poter acquistare oggetti fatti a mano e tante decorazioni e regalini natalizi realizzati dallo staff o donati dai tanti bagnolesi che hanno collaborato per l’allestimento. Da non perdere l’esposizione dei presepi artigianali in gara per un concorso a votazione, tra i quali sarà decretato il vincitore di questa edizione, deciso proprio dai visitatori. Una raccolta dei presepi degli anni precedenti, inoltre, è visitabile nelle stanze all’entrata; tanti i paesi che hanno aderito all’iniziativa portando a Bagnoli presepi da ogni parte d’Italia. Per chi arriva da lontano il Gruppo di volontariato mette anche a disposizione dei volontari che accompagneranno nella visita dei luoghi storico-artistici più importanti del paese. Un’occasione anche per far visita alle attività del posto e poter assaporare prodotti locali e cibi genuini. Un grande tocco di novità e tecnologia si avrà con la possibilità di visita virtuale della mostra. Basterà infatti scannerizzare il codice qr con i propri smartphone e si potrà accedere ad un’ampia galleria multimediale con tutte le foto dei preparativi, delle stanze, dei dettagli fotografati in alta risoluzione e della fase di allestimento. Ognuno potrà aggiungere alla galleria le proprie foto, in modo da avere, al termine della mostra ed anche a distanza, una grandissima raccolta di materiale “virtuale” a disposizione. La Mostra del presepe artistico più grande del Molise vuole essere anche un’occasione per incentivare ancora di più quel turismo lento, di cui oggi tanto si parla e che potrebbe far risorgere le nostre aree interne sempre più spopolate e bisognose di vitalità, di unione in rete tra piccoli borghi e di diffusione di messaggi positivi, soprattutto per incentivare le nuove generazioni a rimanervi e non andar via. Un esempio di come con poco si possa puntare in alto e toccare temi riflessivi molto forti e utili. Compreso quello, molto attuale, della campagna contro l’inquinamento globale. Grande novità della nona edizione, infatti, è l’albero di Natale realizzato interamente con tappi di plastica (se ne contano più di 20.000), visitabile all’esterno della mostra, o il numeroso materiale di riciclo utilizzato per la salvaguardia dell’ambiente, tema molto a cuore per il nostro territorio, fortunatamente ancora poco intaccato, ma che, proprio per questo, deve impegnarsi a conservare il suo inestimabile patrimonio immateriale. Gli instancabili volontari anche quest’anno hanno rivitalizzato un periodo morto dell’anno, creando attrazione turistica oltre che la possibilità di far rivivere il paese presentando una tradizione, ormai consolidata, che ogni anno migliora e si amplia. Sono attesi in paese molti visitatori e molti pullman che hanno richiesto una visita.