Detenuti in rivolta al carcere di via Cavour, Leontina Lanciano: “Monitorare la situazione e lavorare a fondo per il bene di tutti"

“Monitorare la situazione e verificare le condizioni dei detenuti, allo scopo di risolvere il problema per il bene di tutti”. Così la Garante regionale dei Diritti della Persona, Leontina Lanciano, commenta la rivolta pacifica dei detenuti all’interno della Casa Circondariale di Campobasso. “Visito con frequenza la struttura di via Cavour, dove ci sono, come in tante altre case circondariali, dei problemi da risolvere. Quello che sta succedendo in queste ore va affrontato con grande attenzione – dice Leontina Lanciano – I detenuti lamentano forti disagi sul piano sanitario, in particolare la carenza di personale infermieristico. Non è una questione di poco conto. La Comandante del carcere ha informato della vicenda il Presidente della Regione Donato Toma. Le istituzioni sono pronte a risolvere la vertenza di natura sanitaria e infermieristica. Bisognerà evitare che il clima si inasprisca ulteriormente e che il personale di Polizia Penitenziaria possa operare senza il timore che da un momento all’altro possano esserci problemi. Lavorare a fondo per il bene di tutti” questo il pensiero di Leontina Lanciano che, recandosi in carcere, continuerà a monitorare la situazione.