Coronavirus, è caccia alle mascherine, introvabili. C'è chi le prenota, quantitativi insufficienti

Nonostante non sia stato rilevato alcun caso sul territorio molisano, l’effetto Coronavirus è arrivato anche in Molise. Nelle farmacie di Campobasso, e anche in quelle di Isernia, le mascherine protettive, infatti, sono difficilissime da reperirle. E i farmacisti ci hanno spiegato che è proprio in questi giorni che hanno registrato il picco delle richieste. "Abbiamo ordinato 36 confezioni, ognuna da venti mascherine, ne è arrivata solo una. Continuiamo a ricevere numerose richieste anche da fuori regione e di conseguenza siamo stati costretti a razionarle, consegnandole a chi le aveva prenotate o a coloro che, per particolari motivi, ne hanno più bisogno". Così, all'ANSA, i titolari della farmacia 'Di Toro' di Campobasso raccontano quello che sta accadendo nelle ultime settimane a causa del diffondersi del Coronavirus e della corsa, spesso inefficace, all'acquisto di mascherine. Ma quali sono le persone che ne fanno richiesta? "Soprattutto - fanno sapere i farmacisti - chi viaggia in Italia o all'estero frequentando luoghi affollati, o chi deve recarsi in strutture sanitarie fuori regione".