Poesia Senza Tempo Nel Nostro Tempo

DIRETTA

Coronavirus, riunione in Prefettura. In Molise situazione sotto controllo. Attivate 2 utenze telefoniche

Attivo da oggi i nuovi numeri telefonici per informarsi e per sospetti casi di infezione da Coronavirus 0874/313000 ed il 0874/409000
Dopo la riunione in Prefettura tra prefetto, Federico e il governatore Toma è stato dichiarato che in Molise non ci sono emergenze e che bisogna lavorare per un’organizzazione comune per prendere tutte le precauzioni "nell'eventualità che la regione possa essere colpita da questa epidemia".
Arriveranno 190 allievi agenti della Polizia di Stato provenienti da Piacenza; zona interessata al coronavirus "che verranno scaglionati, saranno sottoposti a controlli medici all'interno della Scuola agenti 'Rivera' di Campobasso e poi con accordo con l'Asrem territoriale si deciderà se adottare delle misure ulteriori, non escludiamo la possibilità della quarantena".
Il Presidente Toma tiene a precisare che “in questo momento non c'è alcuna emergenza, ma prevenzione. Stiamo attivandoci per ogni misura di prevenzione utile e proporzionata agli eventi sul territorio. Non si parla di chiusura delle scuole, non si evitare gli assembramenti".

Nel corso dell’incontro è stato fatto il punto della situazione in ambito regionale, ove, allo stato, non si registrano casi sospetti o di positività al virus. Le misure sin qui attivate consistono nell’adozione di un’ordinanza del Presidente della Regione, volta a garantire una costante ed attiva sorveglianza contro la potenziale diffusione del virus, consultabile sul sito www.regione.molise.it, nonché nel potenziamento dei servizi di emergenza sanitaria e di protezione civile.

All’esito della riunione è altresì emerso che ciascuna struttura operativa ha attivato le procedure di preallertamento per fronteggiare ogni  possibile evoluzione dello scenario.

Un plauso generale è stato rivolto a tutti i cittadini che hanno sinora mostrato senso di responsabilità e spontanea adesione alle raccomandazioni e alle disposizioni introdotte dall’autorità regionale e alle condotte di autoprotezione, mostrando piena consapevolezza della necessità di assicurare una collaborazione attiva  con le Istituzioni per proteggere il territorio.