Coronavirus, Tedeschi: “Grande lavoro del Governo regionale sull'emergenza sanitaria"

“A fronte dell’emergenza globale causata dall’epidemia di Coronavirus, nonostante la priorità resta quella sanitaria, uno sguardo va rivolto anche all’economia. In Italia si stima che il PIL scenderà allo 0% nel 2020. "Un dato preoccupante – dichiara il consigliere regionale, Antonio Tedeschi - che  provocherà drastici cali inattesi anche della produzione industriale. Notizie e previsioni che ormai da giorni ascoltiamo su tutti i canali di comunicazione dai nostri rappresentanti di Governo. Una situazione che, proiettata  in una regione piccola come la nostra e già da tempo provata da una simile crisi, renderà ancora più fragile un settore che non possiede i mezzi e le risorse per poter fronteggiare un ulteriore deficit economico. L’esecutivo regionale  - prosegue il consigliere - sta già facendo un lavoro eccellente, non soltanto sotto il profilo sanitario, garantendo standard di efficienza e sicurezza, ma anche sotto l’aspetto economico-strategico, predisponendo misure concrete che serviranno nei prossimi mesi per fronteggiare i danni provocati dall’epidemia in atto. Perciò – sempre Tedeschi – credo che in questo momento si debba accelerare nella pubblicazione di tali misure, già programmate, in modo da immettere liquidità nel nostro sistema economico, spingendo consumi, investimenti, occupazione. Questo deve essere un momento di stimolo e di proficua collaborazione tra il Governo regionale e la delegazione parlamentare molisana. Colgo l’occasione per chiedere ai nostri rappresentanti romani di spingere ora più che mai per l’inserimento di opere strategiche per il Molise nello Sblocca cantieri, reale possibilità di ripresa per la nostra regione. L’essenziale – prosegue il consigliere – è far fronte comune e agire immediatamente per la tutela della nostra comunità. Solo unendo le forze possiamo sperare di rialzarci. Concludo soffermandomi sul crescente stato d’angoscia dei cittadini e di noi tutti, a causa di un’epidemia che crea psicosi nonostante l’enorme lavoro e le rassicurazioni del nostro Sistema sanitario regionale e nazionale. A tal proposito non posso che rifarmi alle parole del Presidente Mattarella, ovvero di prendere le dovute accortezze e precauzioni del caso, così come le massime autorità nazionali consigliano costantemente, evitando di farsi prendere dal panico e riponendo totale fiducia nei nostri professionisti che, a tutti i livelli, confermano l’eccellenza del nostro Paese”.