Temperature elevate e siccità; compromessi i raccolti delle aziende agricole molisane

Domenico Zeolisegretario regionale del MAM (MOVIMENTO AGRICOLO MOLISANO), denuncia l'attuale gravissima situazione che vivono le imprese agricole molisane dovute alle alte temperature e la mancanza di pigge. In difficoltà sono tutte le aree territoriali, con le aziende agricole e zootecniche che ovunque sono costrette a sobbarcarsi spese aggiuntive per sopperire alla mancanza d’acqua.

«Un inverno anomalo , un clima  particolare ha già compromesso i raccolti degli ortaggi invernali ,le semine dei cereali e delle foraggere , e gravi conseguenze si avranno per le fioriture anticipate dei fruttiferi ,  dei vigneti e degli oliveti.

Alla crisi che l’agricoltura molisana è costretta da anni, per cause ben note, dai danni da cinghiali e fauna selvatica, a congiunture di mercato sfavorevoli, a mancanza di infrastrutture e servizi mal funzionanti, in questi ultimi giorni ,come se non bastasse , malattie come la brucellosi mettono in ginocchio le aziende zootecniche dell’alto molise, e  ancor di più il “corona virus” blocca parte delle attività agricole e in particolare agriturismi e vendita di prodotti.

Considerata la grave situazione, il Movimento agricolo molisano , ha inoltrato formale richiesta al presidente della regione ,Donato Toma, e all’assessore all’agricoltura Nicola Cavaliere, per attivarsi a chiedere lo stato di calamità naturale al ministero delle politiche agricole.

Inoltre il MAM chiede il sostegno ,solidarietà , sensibilità, ai Prefetti di Campobasso e Isernia , ai sindaci e a tutta la classe politica. La siccità è tra le calamità più catastrofiche e pericolose, basti pensare che circa tre secoli fà (1734/35),  per oltre due anni mancarono quasi completamente le precipitazioni, si seccarono persino le querce  e non ci fu produzione neanche delle ghiande, nel nostro Molise morirono circa venticinquemila persone di fame.

Oltre a chiedere aiuti per le aziende in crisi, è bene attivarsi per far funzionare egregiamente i consorzi di bonifica e utilizzare al meglio le risorse idriche , prevenendo  situazioni molto pericolose. Il nostro territorio è ricco di acqua, ma va gestito a dovere».