Emesso dalla Questura un DASPO di cinque anni per un tifoso di Campobasso

Il Questore di Campobasso, Giancarlo Conticchio, ha emesso un DASPO nei confronti di un ragazzo di Campobasso, B.D. di 32 anni con lo scopo di contrastare il fenomeno della violenza nell’ambito delle manifestazioni sportive, il 32enne non potrà accedere ad eventi sportivi per ben cinque anni.

«Il predetto, già gravato da condanne per tentata estorsione, maltrattamenti in famiglia e accensione di fumogeni nel corso di manifestazioni sportive, ha preso parte attiva a momenti di criticità riconducibili ad episodi di pericolo per l’ordine e la sicurezza pubblica, in alcune partite casalinghe disputate dalla S.S. Campobasso Calcio in questa stagione agonistica. 

Al tifoso, già destinatario in passato di provvedimento analogo,  è stato fatto divieto, per la durata di anni cinque, di accedere all’interno degli stadi ed impianti sportivi del territorio nazionale ove si disputano incontri di calcio a qualsiasi livello, agonistico o amichevole, calendarizzati e pubblicizzati, e, da due ore prima a due ore dopo la conclusione degli incontri,  a tutte le aree di rispetto dei menzionati luoghi  ed alle aree interessate alla sosta, al transito ed al trasporto di coloro che assistono o partecipano alle suddette manifestazioni. 

Per la medesima durata, a decorrere dalla prima competizione calcistica successiva alla notifica,  si è prescritto al suddetto di presentarsi  presso la Questura di Campobasso quindici minuti prima e quindici minuti prima della fine di ogni partita agonistica  o amichevole, che la squadra ‘SSD Città di Campobasso’ disputerà a qualsiasi livello.

L’Autorità Giudiziaria competente, immediatamente informata dell’avvenuta notifica del provvedimento ha immediatamente proceduto alla convalida delle predette prescrizioni».