Agnone, Striscia la Notizia si occupa dal caso “Fidas”

Il famoso programma che fa da compagnia durante la cena di numerosi italiani, si è occupato del caso riguardante i donatori della Fidas che non possono donare per mancanza di una firma che autorizzerebbe i locali del Caracciolo, a ospitare le donazioni.  Il presidente Nicola Capparozza, ha lamentato l'impossibilità di donare per ben 483 donatori a causa della mancanza di una firma per il rinnovo della convenzione tra la Asrem e l'associazione. La mancanza di questa firma, vieta la presenza di personale medico nelle postazioni del Caracciolo disponibili da tempo e purtroppo inutilizzabili. Capparozza ha lamentato di aver chiesto questa firma da mesi ottenendo solo parole e pochi fatti. Un vero peccato per dei locali nuovi adibiti alle donazioni ma inutilizzabili. Speriamo che la visibilità nazionale data da Striscia la Notizia, porti a un epilogo positivo della vicenda in questione.