Coronavirus. Di Lisa: "Urgente riaprire Larino e Venafro, potenziare gli ospedali esistenti"

«In sintonia e per solidale collaborazione con le regioni contermini, urge disporre, in via straordinaria ed urgente, la riapertura delle strutture sanitarie chiuse e il potenziamento di quelle attive, per contrastare la virale influenza in atto». Questo l’incipit del messaggio inviato dal Presidente Gaspero Di Lisa, a nome dell’Associazione ex Consiglieri regionali, al Presidente della Giunta regionale, Donato Toma, in relazione alle sue responsabilità di coordinamento delle varie iniziative per la gestione dell’emergenza Coronavirus in Molise. «La riattivazione richiesta – ha spiegato Di Lisa- è la risposta ineludibile e l'unica efficace, date le emergenze nazionali emerse e quelle regionali, al momento, temibili. L'esercizio dei Suoi poteri straordinari, in linea con quelli del Governo Centrale, si inquadra nella cogenza insita negli eventi, in questa situazione, simili ad una guerra con un nemico invisibile!. Abbiamo ritenuto – ha commentato il Presidente Di Lisa a seguito della nota inviata - doveroso raccomandare al Presidente Toma e quindi all'Unità di Crisi, nella speranza che tutte le strutture (a suo tempo pensate e realizzate) in piena efficienza da subito riescano a tutelare: territorio e popolazione al momento in ansia per la montante marea influenzale del coronavirus».