Anche Cercemaggiore è zona rossa, l'ordinanza di Toma

E nella tarda serata di ieri arriva un altra ordinaza di Toma che dipsone: dopo Riccia, Montenero, Pozzilli e Venafro anche Cercemaggiore è  zona rossa, in seguito ai 16 i nuovi contagiati nella casa di riposo di Cercemaggiore. Per questo, come recita l’ordinanza “è istituita la zona rossa ferme restando le misure statali, regionali e commissariali di contenimento del rischio di diffusione del virus già vigenti, a decorrere dal giorno 26 marzo 2020 e fino al 8 aprile 2020, con riferimento al territorio del Comune di Cercemaggiore, è adottata l’ulteriore misura di divieto di allontanamento e di ingresso nel territorio comunale”. Inoltre, si legge sempre nell’ordinanza, “la competente Autorità sanitaria regionale dispone la misura della quarantena precauzionale ai soggetti che hanno avuto contatti stretti con i soggetti risultati positivi al COVID-19 a seguito dell’effettuazione dei tamponi da parte dell’ASREM tra gli ospiti e gli operatori della Casa di Riposo Madre Teresa di Calcutta, ubicata nel Comune di Cercemaggiore”.