"Turismo e Folklore", terza puntata di 'Uomini e donne che mordono i cani'

DIRETTA

Covid-19. Toma: possibile utilizzo del Gemelli e della Neuromed "hanno messo a disposizione le terapie intensive"

«Previsto che prima si utilizzano tutte le risorse pubbliche, se insufficienti si passa a privati accreditati. Come Regione Molise abbiamo redatto un piano ospedaliero per la pandemia regionale a inizio marzo, poi è arrivata una circolare del 25 marzo del ministero della Salute 25 marzo che prevedeva centri Covid esclusivi, ma noi eravamo già intervenuti. In Molise l’unico ospedale pubblico Dea di primo livello, con terapie intensive ed altre specialità che danno tale garanzia, è il Cardarelli di Campobasso individuato come ospedale Covid».

Lo afferma all’Adnkronos il presidente della Regione Molise Donato Toma sull’emergenza coronavirus. La linea, spiega, è: «Saturiamo prima le risorse pubbliche, se poi non sono sufficienti passiamo a quelle private accreditate. E l’ospedale Gemelli di Campobasso e l’istituto Neuromed di Pozzilli ci hanno messo a disposizione le terapie intensive. Abbiamo previsto che, esauriti tutti i posti pubblici, si possano usare le terapie intensive del Gemelli e della Neuromed».