Lavoro: professionisti tecnici a Toma "rischio collasso"

"Rischiamo il collasso". È il messaggio inviato da architetti, ingegneri, geometri e geologi al governatore, Donato Toma. La manovra annunciata dal vertice di Palazzo Vitale, dunque, non rassicura gli esponenti delle professioni tecniche.

In attesa della 'Fase 2' i presidenti degli Ordini e dei Collegi di Campobasso e Isernia evidenziano "ancora una volta le difficoltà del mondo delle professioni tecniche già in estrema sofferenza prima ancora del Covid-19", aggiungendo che "pur conoscendo la gravità del momento e le innumerevoli incombenze cui deve quotidianamente far fronte Toma, non possono restare in silenzio e assistere allo sgretolamento della professioni tecniche".

"La salute dei molisani viene sicuramente prima di tutto, ma nel contempo - osservano - è necessario non disperdere, ancor di più di quanto già accaduto negli anni addietro, nessuna risorsa di questa comunità. Non preoccuparsi in questo delicatissimo momento, con azioni immediate e mirate del destino di migliaia di tecnici, significherebbe produrre un ennesimo colpo che potrebbe essere quello di grazia alla nostra regione. Ora non abbiamo più tempo per programmare e soprattutto per attendere, il Governatore e la sua squadra - concludono - ha avuto tutto il tempo per attivare quanto necessario per far ripartire il volano dell'edilizia di questa regione. Ora abbiamo bisogno, nel nostro comparto, di azioni atte a soddisfare quantomeno la sopravvivenza di tutti gli attori".