Azzeramento Giunta regionale, Fanelli: "Con Toma non c’è futuro. Né per loro, né per il #Molise"

È venerdì 17 e siamo nel mezzo della peggiore emergenza sanitaria, economica e sociale dal dopoguerra. E' quanto dichiarato dal consigliere regionale, Micaela Fanelli in un post su facebook: "Un giorno talmente nero, che poteva essere aggravato solo da un gesto opportunistico e gravissimo di #DonatoToma. Presidente senza più numeri, che ha smarrito la rotta, la leadership, la capacità di guidare la nostra regione, proprio quando è massima la necessità di operare con coscienza, responsabilità e capacità. Aprire una crisi di governo, nel pieno di una crisi sanitaria ed economico-sociale, significa solo palesare inadeguatezza politica ed amministrativa e totale disprezzo per le istituzioni e per il popolo. Per le esigenze vere della salute e dell'economia. E a poco, anzi a nulla valgono i maldestri tentativi del Governatore di dissimulare la gravità del suo gesto, nel tentativo di nascondere la verità dei fatti: Toma non ha i numeri. E minaccia – indirettamente ma in maniera altrettanto lampante – la sua stessa maggioranza, per obbligarla ad affondare insieme a lui ed a tutta la regione, invece di ricercare l’unità politica e la condivisione delle migliori azioni per superare questo temibile e terribile momento di crisi. Basta con questo tragico e pericoloso teatro! Si ribellino gli assessori costretti alle dimissioni e tutti i consiglieri di centrodestra, per non essere complici di questo sciagurato ed indifendibile comportamento. Perché con Toma non c’è futuro. Né per loro, né per il #Molise".