Imprese: Tartaglione (Fi), Paese muore di “buroasfissia”

“Lo studio della Cgia di Mestre sul costo economico degli adempimenti delle impreso verso la P.a conferma che questo Paese rischia di morire per ‘buroasfissia’. Non è pensabile, peraltro, che in un momento di emergenza relativo al Coronavirus siano state prodotte 170 pagine di nuove norme. Peraltro, come scritto nella relazione del Capo dipartimento Vigilanza Bancaria e Finanziaria di Bankitalia, presentata alla Commissione di inchiesta sulle Banche, da cittadini e mondo imprenditoriale sono giunte molte lamentele sulla difficoltà procedurale nell’accedere agli strumenti previsti”.

Lo dichiara in una nota la deputata di Forza Italia Annaelsa Tartaglione, componente della commissione parlamentare per la semplificazione.

“Questo significa che la semplificazione sarà la vera sfida per affrontare la ripresa. Come sottolineato più volte anche dal Presidente Berlusconi, occorre snellire e semplificare. Soprattutto in un settore traino come l’edilizia e le costruzioni: sospendere il codice degli appalli, abolire il meccanismo delle autorizzazioni preventive sono leve da muovere per ripartire”, conclude.