A Isernia cimiteri aperti, negozi chiusi nei giorni festivi. La proposta della Calenda

Filomena Calenda, attraverso una nota ufficiale, ha fatto richiesta al sindaco di Isernia, Giacomo d’Apollonio e all’assessore competente, Linda Dall’Olio, di modificare alcune disposizioni per il contenimento della pandemia in corso. «Ho chiesto al primo cittadino di rimodulare alcune misure adottate contestualmente all’emergenza Covid-19, in particolare riguardo alla chiusura al pubblico dei cimiteri comunali e alla regolamentazione delle aperture degli esercizi commerciali sul territorio comunale», ha spiegato in merito Calenda. «Con ordinanza n. 59 del 14.04.2020 il Sindaco ha disposto la chiusura al pubblico dei cimiteri comunali fino al prossimo 3 maggio. Nonostante in questo periodo sia di fondamentale importanza adottare misure di distanziamento sociale per evitare il propagarsi dei contagi, tale misura non trova riscontro in altre realtà comunali, tra cui Campobasso dove il camposanto è regolarmente aperto seppur con misure straordinarie di sicurezza e disposizioni ad hoc per evitare assembramenti. In tale ottica, anche nella Città di Isernia, i cimiteri comunali potrebbero rimanere chiusi per i giorni 25 aprile e 1 maggio, quando in concomitanza delle giornate festive l’affluenza potrebbe essere maggiore. Il pubblico, invece, potrebbe essere maggiormente gestibile durante i giorni feriali – ha continuato Calenda –. Sono molti i cittadini che, pur consapevoli del momento difficile e delicato, hanno chiesto la possibilità di poter far visita ai loro defunti. Per alcuni di loro restare lontani dai propri cari è una sofferenza che riacutizza il dolore per la loro dipartita».

Inoltre, Calenda ha chiesto al sindaco di prevedere la possibilità di chiudere tutti gli esercizi commerciali per i giorni 25 aprile e 1 maggio al fine di evitare inutili assembramenti e garantire delle giornate di riposo ai lavoratori del comparto commerciale dopo un periodo lavorativo fortemente stressante e rischioso.