Provvedimento commissariale sanità privata, AIOP: il 95% dei rimborsi è per i soli ricoveri

Interviene (ASSOCIAZIONE ITALIANA OSPEDALITA’ PRIVATA) AIOP Molise sulla vicenda che prevede per le strutture sanitarie la remunerazione del 95% dei budget assegnati, regolato dall'ultimo decreto commissariale di Angelo Giustini.

«E qui occorre una precisazione, che non sarebbe stata necessaria se le carte, prima di essere commentare, fossero state lette attentamente confondendo anche i percorsi Covid-19 con quelli No Covid-19. Ebbene, nel contratto sottoscritto da Regione e Operatori privati del Molise, all’articolo 5, si afferma che il 95% da erogare è relativo alle prestazioni di assistenza ospedaliera, cioè solo ai ricoveri.

Non ci vuole certo una laurea in matematica per capire che il 95% del 95% dei rimborsi per i soli ricoveri è nettamente inferiore al 70% previsto dal D. L. ‘Liquidità’, dove si parla chiaramente di dodicesimi corrisposti o dovuti per l’anno 2020, sommando ai ricoveri anche i rimborsi per prestazioni specialistiche e ambulatoriali.

Sarebbe bastato fare un paio di addizioni e sottrazioni corrette per capire che il 95% del 95% dei rimborsi per ricoveri è sicuramente minore del 70% dei rimborsi dovuti per tutte le prestazioni.

Ed ancora!

L’art. 32 del D.L. “Liquidità” riconosce in aggiunta al 70%:

  1. la remunerazione per i costi sostenuti per modifiche strutturali (come l’allestimento del reparto), costi per tecnologie acquistate (ad es. respiratori), costi per il personale medico, sanitario ed infermieristico dedicato al reparto Covid, costi per la sanificazione, etc;
  2. l’incremento tariffario per tutti i pazienti covid-19 gestiti, rispetto alle tariffe dei decreti nazionali e regionali.

La chiara gravità ed inesattezza di alcune affermazioni, come quelle riportate da Stefano Buono del PD, trova conferma nell’art. 2, comma 4, del contratto di cui al DCA 26/2020 dove è previsto l’adeguamento automatico delle disposizioni regionali in caso di emanazione di norme legislative. 

Pertanto, il provvedimento adottato dalla Regione Molise rientra legittimamente nella cornice normativa del D.L. Liquidità, non ancora convertito in Legge.

Ma quando la voglia di denigrare benda gli occhi a chi insinua scenari malevoli, si cade in errori che potrebbero essere evitati se si ragionasse con buon senso ed obiettività.

Solo un’ultima considerazione da parte dell’Aiop Molise: neanche in momenti drammatici come quelli che sta vivendo la nostra regione e l’intera Italia, sono stati messi da parte sentimenti negativi e riserve mentali, che sembrano essere la dispensa in cui qualcuno ogni tanto va a pescare cattiverie che non danneggiano solo le strutture prese di mira in qualità di ‘Istituzione’, ma anche l’immagine e il lavoro dei suoi preziosi collaboratori».