Fase 2. Comune di San Massimo: sostegno alle attività commerciali

Riduzione del 30% della TARI; - esenzione della TOSAP.

Conclusa la fase del Lock Down, il Comune di San Massimo avvia le prime azioni a sostegno delle categorie maggiormente colpite, le attività commerciali. Con la fase 2 ci sarà una progressiva riapertura degli esercizi commerciali che a causa del fermo, risulta essere tra i settori più colpiti. 

Seppur a piccoli passi, bisogna avviare interventi tempestivi a favore delle attività produttive locali. Il Governo ha varato nuove regole gestionali più restrittive riguardanti gli esercenti e la clientela, che non consentiranno alle attività di raggiungere un regime economico ottimale come quello ante emergenza sanitaria. 

In vista della riapertura condizionata delle attività commerciali, l'Amministrazione comunale di San Massimo ha deciso di intervenire ponendo in essere due misure di aiuto, nello specifico: 

- Un taglio della pressione fiscale, attraverso una riduzione del 30% della TARI (tassa sui rifiuti);

- Esenzione della TOSAP (tassa occupazione spazi pubblici) Le attività che già sono state duramente penalizzate dalle restrizioni degli spazi interni delle strutture, vanno sostenute con la messa a disposizione gratuita di spazi pubblici adiacenti i locali. L'esercizio delle attività all'aperto, rappresenta uno strumento necessario per bilanciare il peso delle limitazioni coattive che interessano gli spazi interni delle strutture, nonché gli effetti negativi potenzialmente producibili, come la netta diminuzione della clientela ed il conseguente calo degli incassi..