"Na mamma muderna" di Pina Di Nardo - #Poesia Senza Tempo Nel Nostro Tempo

Anche oggi vogliamo stupirvi e porvi sul viso un sorriso lungo da qui all'eternità. Questo è possibile solo leggendo la splendida poesia dialettale della mitica Pina Di Nardo. Una poesia che nasce da vita vissuta, da paradigmi di modernità in persona ch,e della loro vita ne han fatto sintesi con " la giovinezza eterna ". Forse Pina, e mi perdonerà come sempre, quando la stuzzico, voleva rappresentare se stessa più che la mamma. Un tantino vanitosa, nonostante sia ormai " una giovane vecchiarella", si è imbattuta in una modernità consapevole dei limiti delle rughe e delle borse occhiaiole. Non c'è trippa per gatti, Pina è assolutamente la migliore e, il sorriso abbonda nella bocca degli innocenti martiri colpiti dalla sua vena poetica innovativa, sempre attuale e mai ridicolizzante quello che il dialetto crea nelle differenze , sempre piene di matura e semplice ilarità. La mamma moderna che occupa il bagno per truccarsi e lascia fuori gli uomini di casa, gli stessi che non vedono l'ora che ella vada via, prenda la macchina e, faccia le corna a chi osa sorpassarle nel suo camminare lento, assai pericoloso. Una vera commedia Cambuasciana .  La famiglia è tutto, l'amore per la mamma è il massimo della responsabile e degna via di chi è stato generato con amore e fatica. La si può " odiare " , li si può inviare improperi ma, se non la si sente per un po', l'indigestione può far più male della mancanza...... Ops, Pina mi confonde la mente e mi distrae, rido troppo sol a pensare quanto si atteggia nel recitare. Mi dovete scusare ma volevo dire : la mancanza può far male più dell'indigestione. W Pina Di Nardo !!

 

“ NA MAMMA MUDERNA “ di Pina Di Nardo

- Mamma mè è mudèrna,

è mijupe,nen ce smirce,

scàgna lùccele pe’ lantèrne.

Ze pètta l’ògne emche l’òva marce,

ze fa la màsquera re bellèzza,

ze mètte quattre réte re cementina,

ze ‘ngazza ca ze ‘uasta, se papà l’accerézza,

ze ‘ncrifa le capille che la gelatina.

Pàssene tre òre prima ca mammà ze ‘ntulétta !...

- Ze métte ru ruscétte e tanta ‘mbràschije,

ca la faccia,ra pulita, arevènta vrétta !...

- A la casa mè, re farte sòtte riscije,

pe’ j’ a ru cèsse, t’àra prenutà…

po’, se tràscene pure le sòre,

àra aspettà ‘na ternetà !...

- Ze spiccene quante jè scure.

Ce arepiéttene le ciélle,

ha funite re campà!...

E fòre cumm’ è ciufiélle,

àje vòglia nu uòmmene a aspettà!...

- Mamma mè ‘guida la màchena è mudernà,

E a chille ca la vuònne surpassà,

Le puffèja,le fa le còrne!...

Mamma mè ‘, prèreca ra la mmatina a la sére,

è ‘ nu taluoòrne !...

- Ma se ‘nne la sènte e ‘nne la vère

- Pe’ cacche juòrne,

- So’ ‘na frònna sperdùta mmièze a ‘ u mare !...

 

Commento critico

Al bizzarro ritratto di una madre moderna si mescolano modi di dire molisani ed argute metafore, con un risultato strabiliante e un finale inaspettato e con una similitudine carica d’affetto.