"LO SGUARDO DEL TEMPO" di Filomena Domini - #Poesia Senza Tempo Nel Nostro Tempo

La giornata inizia con un pensiero sempre più avvolto da preoccupazioni per non riuscir a veder la luce. Tutto ancora fermo nonostante giorni di attesa e di trepidante ascolto al Mondo esterno, che non riesce a dar risposta. Per fortuna la poesia illustrata nel saggio di Antonietta Aida Caruso, che sapientemente ha saputo cogliere l’attimo interpretandolo con mirabili opere di disegno artistico, rende scevra la mente da un tempo che , dalla poesia, dovrebbe prender esempio. E così la poesia del senza tempo nel nostro tempo, rende uniti in un unico viaggio di immagini positive, vogliose di passato, presente, e con lo sguardo al futuro . Si pone come incognita senza paradigmi e senza posizioni precostituite. La poesia ,nella Giornata Mondiale della poesia, ha permesso, alle brave Carol Guarascio ed Eléna Varanese , il commento critico, intenso e maestro , agli attori di profondere la loro arte recitativa, ai poeti la gioia di dedicarci un pizzico della loro vita. Vita vissuta, vita sconosciuta, vita sperata, vita odiata, vita amata….. E così ,oggi la nostra vita, la dedichiamo all’ascolto, straordinariamente intenso e colorato da tinte senza quel tempo nel nostro tempo. Lo faremo ascoltando nello scritto , una poetessa mai doma nel suo incontro con altre vite sempre diverse, sempre piene di forze generatrici, piene di fato e distintamente tintinnanti come campane a distesa. Filomena Domini , il suo nome che irrompe tra quelli dei poeti più apprezzati del centro sud Italia e non solo. - “ Lo sguardo del tempo “ - il titolo della sua poesia. Essa vola senza batter le ali, sospinta dal vento che accarezza le righe rigide , concise, pregnanti e mai banali, piene di sapori di bellezza che rendono determinante l’assenza di soporifere note, in suoni accessi come inni alla vita, nascoste tra le fauci di un lupo, mai cattivo, mai significativamente senza cuore.

La sofferenza e la rinascita sono costanti che condizionano la vita di ognuno di noi. La poetessa le rende simili nell’intensità e nell’espressione dai sapori lontani ma sempre presenti, gioie e dolori che attraversano le intere valli sterminate da campi dal sapore di emozioni generatrici battiti accelerati e non controllabili da una logica particolare, legati da una catena invisibile con maglie di umori diversi, di sapori bui e dal profumo intenso che insieme esaltano colori e suoni misti al rumore delle rondini che ,vanno e vengono sino a formare un quadro vestito di candore lungo la strada dominata dalla vista imperturbabile di un’aquila. Il lupo che “attende” la paura si apre al mondo, perde il pelo della cattiva carne sottostante, si incammina verso un campo di tranquilla stasi e vive una nuova vita. I campi fioriscono, e la luna rende a giorno ogni singolo timore dando vita ad esplosioni di spighe e mietitura del cuore…….

 

"LO SGUARDO DEL TEMPO" di Filomena Domini ​​​​​​

Guardo dove non passa più
alcun respiro
chiamo a me
lo sguardo del tempo
per chiedere occhi nuovi
e sorprendere
il passo breve del lupo
che beve dal mio silenzio
forme di assenze.


E ancora tempo
chiede la mia fame
che si difende dalla bocca del lupo.


Guardo dove muore ogni pensiero
negli aneliti
di voli d’aquila in lontananza
che sorvolano cime
di bianchi soli in affitto


E mentre si muove un vento di guerra
tra la mia ombra
e il suo cielo felino
scorgo pianure in salita di rondini
colline di brulle sortite
e vagiti di rose canine
dove tu dormi e io vago
con le mie vesti di viole cangianti.

E ancora sagome di spazi
in grappoli di mare
chiede la mia procella
che si difende dalla tana del lupo
Non ho scudo nè preghiera
in questa notte selvaggia
di arringa e catena
ho solo la mia vita leggera
che attraversa le radure assolate
per portarti un fiore
da perdonare

nei giorni di mietitura dall’amore
prima che il lupo consumi
il campo di miglio
che separa la mia casa
dalla sua pelle di luna.

 

COMMENTO CRITICO

Atmosfera surreale quella che crea la Domini, tra lupi famelici, aquile nella tempesta. L’amore è un campo e la mietitura del cuore sembra compiuta.