Valorizzazione delle pinete di Campomarino e Petacciato, Cavaliere: "Sbloccato procedimento fermo da anni"

Ai tempi della Giunta Frattura, 2 milioni e mezzo di euro erano stati finalizzati dal ministero dell'Ambiente alla tutela e valorizzazione della pineta di Campomarino, valutando successivamente la possibilità di distribuire il finanziamento anche per la pineta di Petacciato. E' quanto dichiarato dal consigliere regionale, Nicola Cavaliere: "Dopo una lunga fase di stallo, la situazione è stata ripresa e seguita in maniera costante e diretta dall'assessore regionale Nicola Cavaliere che, attraverso il Servizio competente in materia di tutela delle pinete - durante la scorsa estate - ha appurato che le stesse erano rimaste di proprietà del Demanio dello Stato e non della Regione. Ulteriore problematica è poi emersa dal mancato passaggio formale, dopo i necessari e importanti interventi di rimboschimento compiuti negli anni 50 e 60, tra Corpo forestale dello Stato e Demanio dello Stato. Nel settembre 2019, l'assessore ha quindi convocato un incontro tra tutti i soggetti coinvolti (Regione, Comuni di Campomarino e Petacciato, Demanio dello stato, Capitaneria di Porto, Carabinieri Forestali) in cui ci si è prodigati per riavviare tale procedimento. Per quanto concerne Campomarino, è stata fatta la ricognizione totale e sono stati approvati, dal competente servizio regionale, i verbali di collaudo e i piani di coltura e conservazione di circa 50 ettari di pineta. L'incontro per concludere l'iter era stato programmato l'11marzo, poi annullato a causa dell'emergenza Covid e solo rimandato alla prima data utile.  Per quanto riguarda i circa 100 ettari di Petacciato invece, 70 risultano di proprietà del Demanio dello Stato e circa 30 appartengono al Ramo Tratturi. I carabinieri forestali hanno preso i primi contatti con il funzionario regionale incaricato della gestione dei Tratturi e anche in questo caso la situazione è ormai in via di risoluzione. Sono felice - commenta Nicola Cavaliere - di aver risolto un problema simile, sbloccando di fatto un procedimento fermo ormai da anniLa mia idea - aggiunge - è semplificare ulteriormente la procedura sottoscrivendo la convenzione che consente la gestione diretta ai Comuni, in modo da accelerare i tempi e giungere presto alla fase in cui il presidente della Giunta potrà porre fine alla questione assegnando definitivamente i fondi. La valorizzazione delle due pinete - conclude Cavaliere - darà sicuramente un volto nuovo alla nostra costa, con innegabili vantaggi anche dal punto di vista turistico ed economico. Ringrazio la struttura regionale per l'impegno messo in campo e anche tutti i soggetti interessati per aver collaborato al raggiungimento di questo ambizioso obbiettivo".