“FERAZZANE“ di Luigi Antonio Trofa - #Poesia Senza Tempo Nel Nostro Tempo

Ferrazzano, borgo incantevole che domina valli e città. Ferrazzano, paese della serenità e della gioia di viverci. Borgo di bianca pietra, vide e vede ancor aleggiare la figura del poeta dialettale, Luigi Antonio Trofa, indiscusso padrone del vernacolo Ferrazzanese ed esponente della storia della letteratura molisana. Nato nel 1879 e morto nel 1939, “ Ferazzane “ decantato fu nelle sue liriche determinanti sonanti prose. Dai versi dissacranti ed ironici, il poeta, ponea accento sulle figure storiche del paese, le storture e pregi, ne cantava gesta ed attenzioni. La sua prosa rappresenta, ancora, un modo alternativo, sempre fresco ed attuale, diretto, autentico, mai scomposto. Per il suo paese amore, passione, bellezza. La poesia ad esso dedicata, dal titolo “Ferazzane “, trasuda tutto questo. Amore immenso ed immensa riconoscenza per il proprio nido, dove ricordi di strade strette e piene di vita, si intreccian con ricordi di tempi mai più percorribili. Sensazioni nel tempo senza tempo di odi passate con la gioia di rimirar l’eterno. Un paesaggio biblico fatto di colori, fiori, farfalle ed armoniosi alberi che, al ritorno dalla campagna, si infrangono nella luce flebile delle abitazioni poste su di una rupe aperta al mondo sottostante. Una terrazza dove aleggia e fa volare nel rimirar il cielo steso a terra, nell’incontro poetico ma reale, il carezzar del volo degli uccelli che dell’uomo han dominio e paternità. Uomo e magiche montagne, incredibilmente, hanno ancora il sapore della vita. L’ode ad un paese che, di suo, ha la forza di un recondito passato mai trasgredito, che mira in alto, sconfigge l’ardore della giovinezza, ridona la calma e spalanca la porta del terrestre Paradiso dall’alto del quale si gode la valle e l’intero Molise.

“FERAZZANE“ di Luigi Antonio Trofa

Ddo’ té revènghe, sèmpe pe’ ‘sta via,

se tènghe còre malencunia.

Qua, sotte all’ùlme, me luce ‘nu sciàlle

De sciùre d’ogne tiémpe e de farfalle;

me sturdisce ‘n’addore de jnèstra,

ze ràpe a la ‘ntrasàtta ‘na fenestra

e z’arresbéglia e trema, e ze sculora

ru còre miè…d’allora!

 

Luce e cappèlle,

pe’ tutte le casarèlle …

 

Ferazzane, Ferazzane,

me pare de stà ‘ncòpp’a ‘n’arioplàne

quànne, da ru castiélle,

arresupìne ‘ mmiéz a prète e càrde,

unìte che ri ciélle,

vole pe’ ru Matese e le Mainàrde !

 

Ferazzane, Ferazzane,

da ‘sta soglia de ciéle che ‘nz ‘appànna

e mette pace ‘mbiétte a chi z’affanna,

tu te puo’ rrenerà ru mùnne ‘nzàne

e ‘rrangenà cchiù proéste ‘nparavìse,

bballecone de tutte ru Mulise.