I sindacati protestano a Via Genova contro Toma: Sono due anni che i cancelli sono chiusi ai lavoratori e ai molisani

Questa mattina la protesta dei sindacati a Via Genova a Campobasso davanti alla Sede della Giunta Regionale, conferenza stampa con CGIL, CISL e UIL del Molise per richiedere al Presidente della Regione, Donato Toma, un incontro urgente visti le difficoltà dei lavoratori nelle imminenti riaperture delle attività, non solo economiche ma anche nel rispettare le linee guida dettate dal Governo in tempo di emergenza Covid-19: 
 

«La scelta del luogo emblematico è determinata dall’incomprensibile metodo portato avanti dal Governatore Toma a partire dall’inizio dell’emergenza legata alla pandemia COVID 19 che ha costretto le Organizzazioni a denunciare più volte l’assoluto disinteresse delle relazioni sindacali e l’anomala gestione delle diverse fasi dell’emergenza».
«Il Governatore non ci ha voluto coinvolgere – ha detto Giovanni Notaro della Cisl – e ha trattenuto deleghe importanti. O ci ascolta o saremo costretti a ricorrere ad altre situazioni, anche alla magistratura per alcune questioni che sono diventate importanti e non più rinviabili nelle decisioni da adottare insieme».
Per Paolo de Socio (Cgil): «Un inspiegabile comportamento della Giunta. Dopo due richieste nessuna risposta, nemmeno di cortesia. Abbiamo tanti temi da trattare, tra i quali ripresa del lavoro, la gestione dell’emergenza e tanti altri temi. Non è dato sapere quale è il futuro per costruire la programmazione di questa regione».
«Un uomo solo al comando – ha invece detto Tecla Boccardo della Uil – Toma non può pensare che questo sia il Giro d’Italia. Solo uniti si vince e serve un confronto aperto e costruttivo tra le parti. Cancelli chiusi da due anni ai lavoratori».