Neuromed: individuati recettori causa di schizofrenia

Uno studio condotto dai ricercatori della Neuromed di Pozzilli dimostra come alcuni specifici recettori, presenti sulle cellule nervose, siano implicati nello sviluppo del sistema nervoso immediatamente dopo la nascita. La ricerca, condotta in collaborazione con Istituti di ricerca italiani ed internazionali, tra cui l’Università Sapienza di Roma e l’Università di Lille in Francia, mostra come eventuali alterazioni di questi recettori nelle fasi iniziali della vita siano alla base di patologie psichiatriche, soprattutto della schizofrenia.

I modelli sperimentali animali – spiega la dottoressa Tiziana Imbriglio – ci hanno permesso di identificare un ruolo fondamentale dei recettori mGlu3 nel corretto sviluppo, dopo la nascita, delle connessioni nervose”. Queste cellule nervose, quindi, fungono come una specie di centralina, in parole povere; e proprio una loro disfunzione sembra essere la causa di una patologia psichiatrica come la schizofrenia.

Siamo solo agli inizi di un lungo cammino – commenta la dottoressa Milena Cannella ma la nostra ipotesi è che, in presenza di queste varianti genetiche, un intervento farmacologico su questi recettori, da compiere nelle prime fasi della vita, potrebbe avere un’azione preventiva nei confronti dei soggetti a rischio di sviluppare la schizofrenia”.

 

di Mariagrazia Staffieri