Campobasso, manto stradale: l'assessore Amorosa risponde all'interrogazione di Annuario

In Consiglio Comunale quest’oggi, 23/06/2020, si è parlato, tra le altre cose, della situazione riguardante lo stato e le condizioni del manto stradale della città di Campobasso, con la risposta data dall’assessore ai Lavori Pubblici, Giuseppe Amorosa, all’interrogazione del consigliere di minoranza Mario Annuario.

“Le criticità segnalate e riferite al manto stradale di diverse strade cittadine, - ha dichiarato l’assessore Amorosa - derivano da un normale processo di usura della pavimentazione e, specie in alcuni punti della città, da situazioni difficoltose ereditate e peggiorate nel tempo. Inoltre, va sottolineato che alcune deformazioni e/o cedimenti della pavimentazione sono da attribuire a realizzazione di passaggi di sotto servizi non ripristinati a regola d'arte, ci si augura pertanto che con l'approvazione del regolamento per l'esecuzione di scavi su suolo pubblico che abbiamo portato in Consiglio proprio in questa seduta, tali inconvenienti siano eliminati. Questa Amministrazione Comunale sta ponendo maggiore attenzione alla problematica, sia con interventi di manutenzione ordinaria con investimenti in conto capitale, che con controlli più efficaci ed incisivi nei confronti delle ditte che operano interventi di manomissione del suolo pubblico, senza attenersi alle dovute regole.

Nello specifico si sottolinea che, nell'ultimo periodo, su diversi tratti stradali sono stati realizzati interventi di ripristino con affidamento a terzi, utilizzando idonei macchinari ed attrezzature, in particolare: via Pisa, via Firenze, via Benevento, via Torino, tratto di via Novelli, via Conte Verde, piazza A. d'Isernia, incrocio via d'Amato via S. Lorenzo, piazzale Palatucci, trav. di via De Gasperi, via Sardegna, via Crispi, via Piave ed altri.”

“È bene precisare – ha aggiunto l’assessore Amorosa - che per interventi di minore entità, quali ad esempio ripristino di breve pavimentazione in cubetti di porfido o pavimentazione di marciapiedi in genere, vengono attuati lavori in amministrazione diretta, con impiego di personale interno all'Ente, ma in considerazione dei diversi collocamenti in pensione, avvenuti di recente, a cui non si è potuto dare seguito alla sostituzione, il servizio addetto alla manutenzione ha a disposizione un solo operaio, per cui è inevitabile il verificarsi di ritardi, spesso su interventi anche già oggetto di ripetute segnalazioni. Entrando nella particolarità dei tratti indicati nell'interrogazione si precisa che: la salita di via Breccelle sarà a breve ripristinata, frutto di un accordo di compensazione raggiunto con la Open Fiber (ditta esecutrice dei lavori di posa fibra ottica); via S. Lorenzo il tratto segnalato sarà oggetto di intervento di ripristino localizzato, fermo restando che per l'intero tratto, ossia fino a raggiungere l'incrocio di via Tiberio, in seguito a un bando regionale, è stato richiesto un contributo per interventi di ripristino e messa in sicurezza, quale completamento delle opere già realizzate in passato nel tratto a monte; Via Larino, così come altri punti pavimentati in cubetti di porfido, saranno oggetto di ripristini puntuali eseguiti con maestranze comunali.”

 

L’assessore Amorosa ha avuto anche modo, rispondendo ad un’apposita interrogazione del consigliere della Lega Alessandro Pascale, di illustrare la situazione dei lavori relativamente al cedimento del ponte in contrada Colle delle Api e alle infrastrutture della Zona Industriale di Campobasso.

“Il giorno 10 giugno un cittadino ha inviato delle foto affermando che con le ultime piogge era ceduta una fiancata del ponticello; lo stesso giorno ho effettuato personalmente una verifica sullo stato dei luoghi ed ho rilevato che mancava una parte della fondazione, ravvisando quindi la pericolosità, ho avvertito subito i Vigili del Fuoco, che in seguito al sopralluogo hanno provveduto alla chiusura del ponte.

Grazie all’interessamento dei tecnici comunali, si è intervenuti celermente e attualmente i lavori sono ancora in corso, evitando così danni maggiori in caso di ulteriori piogge che sicuramente potevano portare anche al crollo del ponte, con tutte le complicazioni del caso.

Intanto posso comunicare che la strada, nel giro di qualche giorno, sarà riaperta al traffico.

Invece, rispetto alle infrastrutture della Zona Industriale, - ha aggiunto Amorosa - questa Amministrazione ha intenzione di utilizzare le economie del progetto della costruendo tangenziale, specialmente per mettere in sicurezza la strada principale Via Ferro. È anche in programma una migliore distribuzione della piazza Primo Maggio, dove è collocata una rotonda. Di imminente realizzazione sono, in via Ferro, dei dossi rallentatori con conglomerato bituminoso a caldo e relativa segnaletica.”