#Backstage. Quando il cinema incontra i fumetti: i NoiRexist aprono il Kiss Me Deadly 2020

Un tour tra fumetti, cinema e noir, quello che apre la prima serata del Kiss Me Deadly 2020, il quale quest’anno arriva alla sua sesta edizione.

Alle 20.00 di questa sera, lunedì 24 agosto, infatti, andrà in scena una delle due contaminazioni di genere previste per quest’anno. A fare da protagonista, questa volta, saranno i fumetti, con la presentazione, sulla terrazza del Palazzo GIL a Campobasso, di una mostra con i migliori lavori firmati dai fumettisti NoiRexist. Per l’occasione, inoltre, verrà presentata la rivista antologica a fumetti, Ossidiana, al suo primo numero, autoprodotta dalla stessa Associazione di autori molisani.

Proprio in vista dell’evento, noi di #Backstage siamo andati “dietro le quinte” dell’Associazione NoiRexist, per saperne di più sul mondo del fumetto.

- Ossidiana è la vostra nuova rivista: di cosa tratta e da dove nasce l’idea di questo progetto? La rivista nasce da un’esperienza che avevamo fatto già qualche anno fa: in quel caso, si parlava di una raccolta antologica di storie a fumetti, dal nome “Nero di seppia”, sempre autoprodotta. Quest’ultima era stata presentata da noi proprio qui, all’edizione 2018 del Kiss Me Deadly. All’epoca fu una bella esperienza, molto gratificante e ben accettata nell’ambiente; proprio per questo, abbiamo pensato di riproporla, ma questa volta abbiamo deciso di puntare su qualcosa di più efficace. Quindi, abbiamo deciso innanzitutto di mettere su un’associazione che potesse raccogliere intorno a noi tutte le persone con la nostra stessa passione, quella di scrivere e disegnare storie a fumetti. La rivista “Ossidiana”, nata in un secondo momento, raccoglie storie “one-shot”, quindi episodi autoconclusivi a fumetti che toccano i più vari generi narrativi: dall’horror al racconto romantico, all’avventura. Siamo già usciti con il numero 0, e l’abbiamo presentato a Campobasso il 9 febbraio; il numero 1 doveva uscire ad aprile, ma a causa del Covid, l’uscita è stata rimandata. Sempre a causa del rallentamento delle operazioni di stampa, dovuto alla particolare situazione che stiamo vivendo, alla presentazione di lunedì 24 non avremo qui la rivista in formato cartaceo, ma, per chi volesse acquistarla, sarà comunque possibile pre-ordinarla.

- Quindi, prima di dare vita alla rivista, avete creato l’Associazione NoiRexist. Vi andrebbe di parlarcene meglio? Sì, NoiResist è un’associazione ricreativo-culturale che ha l’obiettivo primario della promozione e dello sviluppo della storia e cultura del fumetto. Questo avviene non solo attraverso la pubblicazione di riviste, come Ossidiana, per l’appunto, ma anche attraverso eventi di vario tipo incentrati sul fumetto a 360 gradi (workshop, presentazioni e conferenze).

- Per voi non è la prima volta, ma vogliamo chiedervelo lo stesso: cosa vi aspettate da quest’esperienza? Questa stessa esperienza la scorsa volta ci ha regalato tantissime soddisfazioni, quindi speriamo possa essere lo stesso anche quest’anno. Ogni volta rimaniamo affascinati da questo binomio di amore che si viene a creare tra cinema e fumetto, che in generale hanno molto in comune, anche se apparentemente non sembra. Per noi queste sono in generale occasioni di scambio di idee ed opinioni, anche con un appassionato di cinema, che, magari, scoprendo questo mondo, diventa anche un appassionato di fumetti.

Mariagrazia Staffieri